Gioco legale e responsabile

Business

Incredibile a Macao: i gamblers non pagano e vengono rapiti… i casinò si assicurano

Scritto da
01/09/2015 13:45

4.342


A Macao i nodi vengono al pettine. Vi avevano raccontano del complesso funzionamento riguardo gli junkets, operatori molto “discussi” e sospettati di legami poco raccomandabili con la mafia cinese e le triadi (in caso di dubbi, leggete il rapporto dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia statunitense su Puha e soci).

La forza e il business dell’ex colonia portoghese è legata a doppio filo con queste agenzie che continuano a procurare clienti alle sale da gioco, offrendo un servizio completo ai giocatori. Nonostante Pechino abbia adottato delle misure restrittive volte ad ostacolare la loro attività.

In estrema sintesi, gli junkets (spesso finanziati con capitali di dubbia provenienza) offrono un pacchetto viaggio ai propri clienti Vip, includendo anche suite di lusso all’interno del casinò hotel con tutti i servizi accessori annessi, mettendo a disposizione una consistente somma di denaro a credito per giocare ai tavoli high roller.

macao

Il segretario per la sicurezza di Macao, Wong Sio-chak, parla in conferenza stampa del nuovo preoccupante trend criminale

In Cina esistono rigidi divieti valutari. Un ostacolo per le sale da gioco di Macao. Per questo motivo, gli junkets forniscono somme di denaro cash ai propri clienti quando arrivano nell’ex colonia portoghese. Il denaro, in teoria, dovrebbe essere restituito una volta rientrati in Cina. Si tratta, di una sorta di schema di riciclaggio di denaro alla luce (o quasi) del sole ma Pechino, dopo anni, sembra essersi svegliata.

Un sistema che favorisce indirettamente i casinò presenti nell’ex colonia, in primis le grosse catene americane.

Però siamo arrivati al limite e oramai il mercato è in mano alla malavita locale. Un rapporto della Macau Judiciary Police ha rivelato che è aumentato in maniera verticale il numero di rapimenti a danno dei giocatori che si sono recati a Macao. I casi di detenzione illegale sono cresciuti del 112% in un anno.

I gamblers insolventi vengono rinchiusi in camere d’hotel dai malviventi e le famiglie, durante i rapimenti, vengono sollecitate a cercare denaro per saldare i debiti di gioco.

E i casinò cosa fanno? La loro reazione è sorprendente. Sabato, il tabloid South China Morning Post, ha reso noto che le sale da gioco e gli hotel di Macao cercano di tutelarsi da eventuali azioni di richiesta danni da parte delle famiglie dei giocatori rapiti, stipulando contratti con compagnie di assicurazione, per proteggersi dalle conseguenze indirette di queste azioni criminali. Ma è logico immaginare un’altra offensiva da parte di Pechino riguardo gli operatori junkets e i casinò. Oramai non si può più tollerare una situazione del genere.

Tag: ,

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento