GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Jason Mercier: “Jungleman ha tirato le carte in faccia a Urbanovich in preda al tilt”

Scritto da
26/08/2016 08:00

2.097


Dopo aver riportato le dichiarazioni su Doug Polk e sugli inizi della sua carriera, nel terzo e ultimo articolo dedicato al podcast di Jason Mercier con Joe Ingram ci occupiamo di qualche interessante retroscena high stakes svelato dal campione della Florida. Come è facilmente immaginabile, Mercier conosce tutti i regular dei giochi più alti del pianeta e nel corso degli anni ha assistito a ogni tipo di mano e controversia al tavolo. Tuttavia, quello che ha visto in Australia all’inizio di quest’anno gli è rimasto particolarmente impresso.

Siamo all’Aussie Millions, ma non in un torneo: il contesto è una partita high stakes di Mixed Games. Al tavolo sono presenti diversi big, tra cui Dan “Jungleman12” Cates e Dzmitry Urbanovich. “Oddio, jungleman. Quest’anno ho visto Jungleman tirare le carte in faccia a Dzmitry Urbanovich“, ha esordito di fronte a uno sbalordito Joe Ingram. Successivamente Mercier ha spiegato cosa è successo nel dettaglio.

“Stavamo giocando Mixed Games e la mano in questione era di Limit Omaha. Mi pare che Dzmitry avesse floppato la scala nuts mentre Jungleman aveva un top set. Hanno fatto una serie di rilanci e il piatto era molto grosso. Al river Dzmitry ha girato il nuts e Jungleman gli ha tirato le carte in faccia in preda al tilt“.

Dan Cates

Dan Cates

Un comportamento inaccettabile da parte di Cates, che da sempre è noto per l’incapacità di controllarsi. “In quel momento ho pensato ‘Ma che diavolo sta facendo?'”, ha continuato Jason. “Se un giorno lo farà a me prometto che gli tirerò un pugno in faccia, e senza nemmeno pensarci!”

Questa frase non significa che tra lui e Cates ci sia astio. Semplicemente, il gesto di “Jungleman12” è incomprensibile: “Ma perché lo ha fatto a Dzmitry? È è un ragazzo calmo e tranquillo. Dopo si è giustificato dicendo che era super tiltato. Ma lui le fa queste cose, nonostante il tilt non abbia alcuna influenza sul suo gioco. Si arrabbia e basta. Ed è impressionante”.

Dan Cates non è l’unico giocatore noto con il quale ha avuto a che fare recentemente. Solo poche settimane fa, Jason Mercier ha giocato per diverse ore contro Gus Hansen, personaggio amatissimo dagli appassionati di poker e dagli squali dell’online che gli hanno tolto, complessivamente, più di 20 milioni di dollari. Il deficit mostruoso accumulato dal danese aveva fatto pensare a un addio alle carte e invece Jason racconta che il buon Gus continua a giocare come ai vecchi tempi.

La foto più recente di Gus Hansen

La foto più recente di Gus Hansen

“Ho giocato contro di lui dopo le WSOP. Giocava Mixed Games, abbiamo fatto una partita epica a poker cinese. Lui è un tizio che dà un sacco di action, è la ragione per cui c’è ancora il Big Game a Las Vegas. È veramente divertente giocarci contro. Non perché sia facile vincergli i soldi, assolutamente, è che è proprio divertente. Crea un’atmosfera rilassata e piacevole. Fa battute anche pesanti, e a volte lo accusano di slowrollare. Ma tutto sommato è uno spasso“.

Ingram prova a chiedere qualche dettaglio in più su Hansen ma, anche se è chiaro che sappia molto più di quanto dica, Jason non vuole parlare nei dettagli di un altro giocatore e della sua vita privata. Alla domanda su cosa abbia fatto ultimamente, risponde: “Non ho idea di cosa faccia oggi Gus. So che non gioca molto. Alla fine della scorsa estate abbiamo giocato tantissimo a poker cinese, poi lui ha lasciato Vegas prima di me e non ho idea se abbia più giocato a poker fino a quando è ricomparso qualche settimana fa”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento