Gioco legale e responsabile

DIZIONARIO DEL POKER

Timing tells


Sono quei tells (vedere voce relativa) che si “concedono” agli avversari facendo trascorrere troppo o troppo poco tempo prima di prendere una decisione. Oltre che nel live, sono anche gli unici tells (oltre a quelli forniti dai betting patterns troppo standard) utilizzabili nel poker on-line. In pratica si dà un timing tell qualora ogni volta che si ha il punto si prende la decisione in un lasso temporale completamente diverso rispetto a quando non si ha nulla.

Se ad esempio facciamo un bet e l’avversario ci raisa istantaneamente, possiamo interpretare questa sua immediatezza come forza assoluta. Tuttavia i timing tells (come tutti i tipi di tells) sono molto player dependant: un giocatore potrebbe ad esempio istacallare un nostro bet se è in draw o addirittura anche se non ha nulla (magari perché sta preparando un bluff per la street successiva).

Ecco il motivo per cui i tells vanno utilizzati solo dopo avere notato il reiterarsi di una determinata situazione. Per quanto concerne i timingtells on-line, questi ultimi vanno utilizzati:

1) solo se siamo certi che l’avversario non abbia problemi di connessione, altrimenti quello che a noi potrebbe sembrare un raise “ragionato” potrebbe in realtà essere un raise immediato fatto da un player con modem a 56k. Come facciamo a capire se un giocatore ha problemi di connessione? Semplice: ne osserviamo i timingtells nelle mani giocate precedentemente nella stessa sessione. Se più di una volta lo vediamo raisare istantaneamente, nel momento in cui pensa a lungo ci sta dando inconsciamente un tell, anche se non necessariamente di debolezza (come spiegato in precedenza e come specificato al successivo punto 2).

2) solo se avevamo appositamente preso note su quel giocatore. Ci sono infatti giocatori che clockano (chiedono tempo o, più in generale, fanno trascorrere molto tempo) con il nuts e altri che lo fanno quando bluffano. Se quindi notate che un giocatore ha la tendenza a clockare col punto, scrivetelo in nota perchè potrebbe risultarvi utile, parimenti se notate che un giocatore fa trascorrere molto tempo prima di callare on un punto basso/intermedio, potrete scrivere in nota “clocka se weak” e alla prossima occasione in cui mostrerà questa debolezza (ad esempio al flop) potrete magari bluffargli al turn sapendo che molto probabilmente non vi chiamerà di nuovo.
Un timing tell abbastanza classico dell’on-line è quello “fornito” dall’immediatezza del fold dai bui. Se ad esempio notate che un giocatore folda istantaneamente dai blinds (se raisato), significa che quando non ha una mano giocabile, baffa (cioè spunta) spesso il fold prima ancora che arrivi il suo turno. In questi casi raisate spesso sui suoi blinds (se siete ip ovviamente), ma andate molto cauti se callati o 3bettati.