GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Libri

Chris Moorman, in arrivo il suo libro sui tornei

Scritto da
29/01/2014 10:22

5.115


Ecco come sarà il libro di Moorman (courtesy PokerNews.com)Chris Moorman sta per scrivere un libro sui tornei di poker, che dovrebbe vedere la luce entro la fine dell’anno: il titolo scelto è semplicemente Moorman’s Book of Poker, e sarà pubblicato dalla D&B.

La stessa casa editrice ha curato le pubblicazioni di Jonathan Little, un fattore evidentemente non secondario nella decisione del giocatore inglese di diffondere una conoscenza evidentemente molto ambita: “Non ho mai fatto coaching né girato dei video di strategia – ha dichiarato Moorman a PokerNews.com – ma specie ultimamente ho ricevuto molte proposte al riguardo, e così quando mi è stato proposto dopo una prima diffidenza iniziale mi è parsa una buona opportunità”.

Coautore del libro sarà Byron Jacobs, ed a quanto pare – nonostante i due cominceranno a lavorarci soltanto in questi giorni – la struttura del volume sarà basata sull’analisi di oltre 100 hand history giocate dallo stesso Jacob, già autore di altri volumi per la casa editrice.

E’ facile immaginare come difficilmente l’inglese avrà davvero voglia di riversare tutto quello che sa in un volume da dare in pasto al pubblico: più probabile che il libro possa aiutare soprattutto giocatori non professionisti, visto che i concetti più avanzati sarebbero troppo preziosi per essere divulgati così facilmente.

Ho intenzione di finire di scriverlo prima dell’inizio delle World Series Of Poker – ha proseguito Moorman – probabilmente lo farò soprattutto a Los Angeles, visto che lì non posso giocare a poker online e questo sembra essere un buon progetto per rimanere impegnato mentre non sto grindando”.

Nonostante debba quindi ancora essere redatto, Moorman’s Book of Poker si preannuncia già come un successo editoriale, nel campo dei libri di poker: molti grinder ne saranno certamente contenti, mentre qualche suo collega professionista verosimilmente un po’ meno…

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento