GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Libri

The Mental Game Of Poker – ecco l’edizione italiana di un libro ‘cult’

Scritto da
27/06/2015 11:28

5.450


Se si ambisce a farsi strada nel mondo del poker online di oggi, la sola tecnica non basta più, perchè è l’aspetto mentale ad essere sempre più quello decisivo.

Molti di voi avranno letto il testo più diffuso in quest’ambito fino ad oggi, ovvero Poker Mindset. Quello di Matthew Hilger e Ian Taylor non è però certo l’unico testo sull’argomento ma solo l’unico tradotto in italiano, finora.

Proprio per gli amanti italiani del genere è in arrivo una grande novità: l’uscita in lingua italiana di “The Mental Game Of Poker”, testo “sacro” scritto nel 2011 da un autentico guru come Jared Tendler, mental coach di diversi campioni di poker ma anche di golf, e a sua volta provetto golfista.

Non un poker player, dunque, per la prima grande differenza con gli altri testi in materia. Lo confermano i due autori della traduzione italiana di questo testo, Marcello Papa e la nota Team Pro di PokerStars Giada Fang.

mental-game-ita

“Sì, il fatto che sia stato scritto non da poker players ma da un mental coach insieme ad un giornalista (Barry Carter, ndr) lo rende diverso sia da PM che da qualsiasi altro libro visto in precedenza”, afferma Papa, che prima di cimentarsi nella traduzione di questo testo era da tempo utente molto attivo in alcuni dei principali forum di settore nel nostro paese.

“MOLTI IGNORANO I PROBLEMI DI MENTAL GAME”

Giada Fang va oltre ma ha tutte le ragioni per farlo: Jared è stato il mio mental coach per un anno, e anche dopo allora ci sentiamo abbastanza spesso. Il suo contributo è stato indispensabile per me, così come lo era già stato per molti altri poker pro.”

Ma perchè, e in quale misura, un supporto del genere si rende necessario? Ancora Giada: “Probabilmente fino a qualche anno fa si pensava di poterne fare a meno, anche perchè i margini di profitto erano ancora consistenti anche non rendendo sempre al massimo. Con l’assottigliarsi dell’edge al tavolo e il progressivo indurimento del field, oggi spesso si deve lottare col coltello tra i denti per tenere 1BB/100. Qui il fattore mentale diventa decisivo e tra varianza, orgoglio e presunzione, il tilt rischia di prendere il sopravvento e fare danni enormi, anche perchè in genere molti ignorano – o non ammettono – di avere un problema di mental game.”

“COME AVERE UN COACH ACCANTO A TE”

Il libro è strutturato come un manuale, in tre parti: una prima parte introduttiva, una seconda di strategia generale sui problemi di mental game, e una terza parte che entra nello specifico dei temi-chiave, dalla motivazione alla varianza, alla sicurezza in se stessi fino ai vari tipi di paura.

Giada Fang, in passato allieva di Jared Tendler e adesso curatrice dell'edizione italiana del suo libro più celebre

Giada Fang, in passato allieva di Jared Tendler e adesso curatrice dell’edizione italiana del suo libro più celebre

“E’ come avere un coach accanto a te, che ti segue passo passo, aiutandoti a scovare ed affrontare ogni tipo di tilt”, afferma Giada, che poi spiega perchè si tratta di un libro utile a tutti i pokeristi di qualsiasi specializzazione (“dal cash ai tornei, dall’hold’em al PLO etc”) ma anche per lettori provenienti da altre sfere di interesse, non necessariamente legate al gioco. “E’ un testo di aiuto psicologico polivalente, quindi può essere utile in varie discipline dove si è spesso sotto pressione, come ad esempio la finanza. Certo, se non si ha una minima infarinatura pokeristica si può faticare a comprendere alcuni concetti, ma la validità rimane”.

Il contenuto di questi testi risulta utile anche per chi li traduce, ed è proprio il caso di Marcello Papa che, prima per diletto e poi per lavoro, lo ha praticamente imparato a memoria! “Benefici sul gioco? No, anche perchè negli ultimi mesi il lavoro di editing e traduzione mi ha assorbito talmente tanto che non ho praticamente più avuto tempo per giocare. Ma posso dirti che ho avuto diversi benefici nella cosiddetta ‘real life’, perchè riesco più facilmente a capire quali sono le cose di cui preoccuparmi sul serio e su quali invece soprassedere”.

ANCHE ALLA CASA DEGLI ASSI

E proprio durante il periodo di editing del libro, Giada Fang era impegnata nel suo ruolo di coach per il reality “La Casa Degli Assi 2”. Avrà usato anche “The Mental Game Of Poker” nelle sue lezioni? “Beh, il lavoro fondamentale con i ragazzi era di tipo tecnico” risponde Giada che però poi svela “Verso la fine abbiamo affrontato l’argomento del mental game, perchè diversi manifestavano problemi di questo genere. Ho consigliato il libro ad alcuni di essi, tra cui ad esempio Romina, che tecnicamente non aveva problemi ma tendeva ad andare nel pallone in alcune situazioni. So che adesso sta leggendo il libro e sono certa che ne trarrà un grande giovamento!”

Il libro sarà presentato ufficialmente a Saint Vincent in occasione dell’ IPT Festival, in programma dal 30 luglio al 4 agosto prossimi.

È comunque già possibile acquistare online il libro, cliccando qui!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento