GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Scommesse

Scommettitori bannati perché vincenti: ora in Spagna arriva una class action contro due bookmakers inglesi

In Spagna, un'associazione dei consumatori sta preparando un'offensiva giudiziaria contro due bookmakers inglesi che hanno bannato 200 scommettitori "colpevoli" di essere vincenti.

Scritto da
05/01/2017 16:03

1.490


L’eterno braccio di ferro tra scommettitori e bookmakers dovrebbe sfociare addirittura nelle aule di tribunale in Spagna. Nel 2016 ci sono stati due casi che hanno fatto molto discutere e che hanno alimentato dubbi sull’equità del rapporto tra gli allibratori inglesi e i bettors.

scommesse-spagna

A causa di ingenti perdite milionarie maturate nell’ippica inglese, in Gran Bretagna diversi bookmakers avevano bannato 20.000 conti nei primi mesi dell’anno, cono 7.000 scommettitori travolti da questo provvedimento. Lo stesso è successo in Spagna ad ottobre quanto Bet365 aveva chiuso centinaia account per lo stesso motivo.

Al tempo, l’associazione dei consumatori Muebete (che opera solo nel settore del gioco) aveva proposto una class action contro il più importante bookmaker inglese che è una delle società di betting leader anche in Spagna.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, ben 200 scommettitori avrebbero aderito all’appello di Muebete. Ma non è finita.

Perché la stessa associazione dei consumatori starebbe studiando una seconda class action contro William Hill: secondo il punto di vista di Muebete, William Hill “discriminerebbe i players”.

In base ad una ricostruzione dell’agenzia Agimeg, Muebete accusa William Hill  “di andare contro le leggi spagnole che proteggono i giocatori, bloccandoli dall’effettuare altre vincite”. Secondo diversi giocatori infatti “i loro account sono stati seriamente soggetti a restrizioni perché non redditizi per il bookmaker”. Muebete è pronta a notificare i reclami a William Hill, minacciando azioni legali se non modificherà i termini e le condizioni dei contratti con i giocatori.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento