GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Copper · Sit & Go

I sit’n’go sono un gioco risolto? (3° parte)

Scritto da
20/06/2011 07:13

6.079


Mentre quanto descritto in precedenza permette al fattore abilità d’insinuarsi nel gioco, forse le situazioni più interessanti nei sit’n’go si verificano quando i bui sono così alti che l’ICM inizia a perdere importanza.

Dato che l’Independent Chip Model considera ogni mano a sé stante rispetto alle altre, non tiene conto di ulteriori fattori come l’ordine in cui i blind arrivano ad ogni giocatore, quando gli stessi bui aumenteranno di valore, oppure quello che probabilmente accadrà nelle mani future.

Ed è allora qui che i player hanno bisogno di ricorrere alla propria esperienza e bravura per prendere decisioni corrette tipo effettuare uno shove a EV negativo da utg per non perdere la fold equity, pushare una trash hand perché il tavolo o l’oppo sul big blind sono particolarmente tight, oppure provare a stimare come e quando l’aumento dei bui avrà effetto sul torneo.

Anche in heads-up, dove i giocatori possono comunque utilizzare le tabelle non exploitabili di push/fold di Chen-Ankenman, spesso conviene deviare da esse per una strategia maggiormente profittevole. Ad esempio, contro un avversario scarso di solito è meglio impegnarsi a sfruttare il più possibile le sue tendenze weak. Questo potrebbe voler dire pushare più mani rispetto al valore ottimale da usare contro quelli molto tight oppure anche limpare con maggior frequenza e giocare di small ball.

Allo stesso modo, la tabella equivalente per callare gli all-in è stata studiata come risposta a quella ottimale di push, pertanto utilizzarla contro la maggior parte dei giocatori sarebbe pura follia perché di solito spingeranno pre-flop con un range più ristretto.

Detto ciò, non voglio certo negare che i sit’n’go siano parecchio meccanici e ripetitivi. E se s’impiegano alcune strategie standard e corrette dal punto di vista matematico, sarà certamente possibile ottenere un moderato successo contro gli avversari più deboli. Tuttavia, se la vostra intenzione è di eccellere in questa specialità, allora avrete bisogno di portare al tavolo anche altre abilità, compresi il buon senso e la capacità di deviare dal solito copione.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento