GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Iron · Tornei

MTT online: strategia di gioco (12° parte)

Scritto da
09/06/2011 07:18

6.039


Un errore che commettono parecchi principianti è quello di provare a crearsi una certa immagine al tavolo.

Nelle prime fasi di un torneo, abbandonano l’approccio classico per giocare più loose oppure troppo tight, spesso al costo di compiere meno scelte ottimali soltanto per apparire agli avversari in un certo modo.

Tutto ciò si paga in termini di EV, cosa che poi è solitamente alquanto difficile da recupare in un secondo tempo. Si potrebbe essere cambiati di posto più avanti nel torneo ed essere inseriti in un tavolo con altra gente che non ha assistito a tutta l’action fatta in precedenza. Ed inoltre, anche se i giocatori al tavolo rimangono più o meno sempre gli stessi, potrebbero non arrivare le carte o gli spot più idonei per sfruttare l’immagine percepita dagli altri.

Quello che potete fare per ottenere un vantaggio dalla vostra immagine è di prendere continuamente la miglior decisione possibile a seconda delle vostre carte e di come apparite agli altri in quel momento. Lasciate che la vostra immagine si sviluppi e cambi naturalmente, come conseguenza del modo in cui le vostre ultime decisioni siano state percepite dagli avversari.

Se vi capita di ricevere alcune buone mani in successione, la vostra immagine diventerà naturalmente loose ed aggressive. Potrete sfruttare questa cosa premendo sull’acceleratore anche con le mani più forti. Altre volte, invece, avrete brutte carte per diverso tempo e la vostra immagine risulterà tight e passiva. Usatela per piazzare steal e re-steal con mani marginali.

Ad esempio: avete rilanciato pre-flop in 3 delle ultime 5 mani ed avete vinto il piatto uncontested. Ricevete a 10 da middle position e tutti foldano prima di voi. Mentre di solito fareste un raise, in questo caso potreste valutare di passare la mano. E’ infatti probabile che gli avversari pensino che siate in steal, a causa dei vostri molteplici raise pre-flop effettuati poco prima, e quindi vi 3-betteranno più light perché vi percepiscono come loose-aggressive. Poiché non potete chiamare un re-raise con queste carte, probabilmente è meglio non farsi coinvolgere già dall’inizio.

Prendere note sugli avversari
Le prime mani che vi capita di giocare contro qualcuno che non avete mai incontrato in precedenza potrebbero farvelo etichettare in un certo modo, e rischiate che poi ci vogliano innumerevoli altre sessioni giocate contro per modificare la vostra iniziale impressione.

Quello che voglio dirvi è di non mettere troppa enfasi su di un solo spot in particolare, ma ricordate che bisogna osservare lo stesso giocatore in un ventaglio di situazioni molto ampio prima di poter avere informazioni accurate sul come agisca al tavolo. (continua)

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento