GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Iron · Tornei

MTT online: strategia di gioco (14° parte)

Scritto da
22/06/2011 07:14

7.879


Una mano come A5 suited è molto facile da foldare in seguito a pressione da parte di qualche altro giocatore, ma può hittare qualcosa di molto forte come il nut flush o anche un piccola scala con 2-3-4 sul board che risulterà anche particolarmente ben nascosta.

Inoltre, anche un flop tipo a 5 2 apparirà innocuo a qualcuno che ha in mano AK, ed avrete quindi l’occasione di prendervi tutte le sue chips.

Con a 5 avrete davvero le potenzialità per floppare un “mostro”. Pensate a a 4 2 : avrete una coppia d’Assi, il nut flush draw ed un progetto di scala ad incastro. Se un avversario ha AK, al momento parte davanti, ma nel complesso è sfavorito dopo che tutte le 5 carte comuni sono state distribuite. Vincerete con le 9 picche ed i tre ancora nel mazzo.

Anche uno dei tre 5 rimasti vi consegnerà il piatto, a meno che non arrivi anche un Kappa. Avrete quindi ben 15 outs a disposizione. Puntate sul flop e se l’avversario rilancia andate pure all-in. Potreste vincere il piatto subito o comunque partire favoriti se l’altro decide di chiamare il push.

Giocare i suited connectors
Anche questo gruppo di mani di partenza presenta un certo valore dato che può hittare punteggi utili a stackare l’avversario. A volte va bene rischiare tutte le chips a disposizione su un draw, ma in genere dovreste farlo sul flop quando ci sono altre due carte da scoprire e potreste essere ancora in vantaggio per la vittoria del piatto anche se trovate il call. Con soltanto il river da distribuire, qualsiasi progetto partirà sostanzialmente da sfavorito.

Se avete della fold equity che lavora per voi e vi trovate in situazioni in cui avete ad esempio 8 7 ed al flop arrivano 9 6 4 , oppure 8 6 5 o anche j 8 2 , allora pushare risulterà spesso la miglior mossa da fare. Più outs avete a disposizioni e più dovrete essere inclini a shovare al flop piuttosto che check/callare una puntata piccola o foldare di fronte ad una più sostanziosa.

Se invece scegliete di non pushare e di checkare soltanto, vi converrà chiamare solamente una eventuale bet di size ridotta rispetto al piatto (tipo la metà o meno) e se ci sono poche probabilità che qualcun altro rilanci ancora. Basate il vostro call sulle pot odds e implied odds. Se non floppate un progetto di scala, un flush draw oppure un doppia coppia, check/foldate pure i vostri suited connectors.

Nelle prime fasi di un torneo, prestate sempre molta attenzione con le mani che possono vincere un piatto piccolo ma perderne uno enorme. Di riflesso, rischiate una piccola percentuale del vostro stack su mani che possono perdere piatti piccoli e vincerne di molto grandi. (continua)

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento