Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Quando è giusto c-bettare? L’analisi di Alex Fitzgerald

Scritto da
24/11/2015 14:30

6.094


Come avrete capito, siamo grandi fan di Alex Fitzgerald. D’altronde quando un top player del suo calibro mette a disposizione la sua esperienza decennale negli MTT Online quasi quotidianamente attraverso decine di post gratuiti in giro per il web, non si può fare altro che ringraziare e prendere a piene mani i suoi consigli, da quelli più basilari a quelli più complessi.

Il coach statunitense ha parlato recentemente del corretto approccio ai tornei, spiegando perché il punto di riferimento sia Phil Hellmuth e non Phil Ivey. Sempre sul blog Americascardroom.eu, Alex ha risposto anche a un altro quesito che gli viene posto frequentemente dai suoi studenti: quando è giusto effettuare la continuation bet?

Prima di addentrarsi nella spiegazione specifica, “Assassinato” sottolinea un dato che ha ripetuto più volte nel corso degli anni: il 60% delle volte che vi troverete in heads-up sul flop, il vostro avversario non avrà un punto di valore in mano. Questo dato è fondamentale per capire la frequenza con la quale è giusto c-bettare: “Uno dei nostri strumenti migliori per fare soldi al tavolo è vincere i pot “orfani” (quelli nei quali né noi, né il nostro avversario ha un punto forte, ndr) utilizzando la continuation bet. Detto questo, però, si tende ad abusare della continuation bet“.

alex-assassinato-fitzgerald

Fitzgerald porta tre esempi differenti per far capire quando è il caso di utilizzare la c-bet e quando no. Nel primo caso il flop è A-2-4 con un flush draw e la nostra mano è 5-5; qua la c-bet è d’obbligo: “Avete un po’ di equity grazie alla vostra coppia e al progetto di scala a incastro, quindi check/foldare non è il massimo. Al tempo stesso il check-raise è pessimo.  È improbabile pensare di farvi chiamare da una mano peggiore e praticamente qualsiasi carta peggiora la vostra situazione sul turn. Ogni cuori, 6, 7, 8, 9, 10, Jack, Donna e Re è una brutta carta per voi. Significa che più di metà mazzo penalizza la vostra equity. Qua non dovete fare check-raise, ma utilizzare la continuation bet per prendervi immediatamente il piatto. Non regalate carte al vostro avversario, che spesso ha mani deboli sul flop ma facilmente migliorabili sul turn (ad esempio 9-10 con backdoor colore)”.

Un caso nel quale, invece, la continuation bet è da evitare si presenta quando abbiamo K-Q e il flop è A-K-5 rainbow. “Non ci sono overcard che possono danneggiare la nostra equity e il board è estremamente dry. Un altro asso sarebbe in realtà una buona carta perché diminuirebbe le possibilità che il vostro avversario ne abbia uno. La vostra unica preoccupazione su questo board è che la coppietta in mano al vostro avversario diventi un set sul turn. Ma questo avviene soltanto il 4% delle volte! Su questo flop fate check e limitatevi a chiamare il suo bluff“.

Infine Alex introduce il terzo caso sostenendo che i più grandi giocatori di poker sono coloro che sanno foldare al momento giusto. “Quando mi siedo a un tavolo in cui non conosco nessuno e vedo che un tizio check/folda senza esitazioni dopo aver rilanciato preflop, inizio immediatamente a tenerlo d’occhio”, continua su Americascardroom.eu. “Significa che non è lì per dimostrare niente a nessuno, ma solo per vincere i soldi. È consapevole che anche nel poker ogni dollaro risparmiato è un dollaro guadagnato“.

Attraverso questo ragionamento si collega al terzo e ultimo caso in cui potrebbero sorgere dubbi sulla c-bet: “Quando avete una mano praticamente senza equity e il board è molto coordinato, dovreste fare check e arrendervi. Diciamo che la vostra mano sia A-2 a cuori e il board 10-9-J di picche. Non avete outs qua ed è molto probabile che il vostro avversario abbia centrato almeno un pezzo del flop. Fate check e di fronte a una puntata gettate le vostre carte. Può sembrarvi una decisione debole ma se vi mettete a fare la c-bet su tutti i flop, i vostri avversari più astuti, sapendo che il 60% delle volte avete missato, inizieranno a check-raisarvi frequentemente. In fondo a loro basta vincere il pot una volta su due per rendere profittevole questa mossa. Mixando i check con mani di valore e mani senza equity, diventerete giocatori bilanciati contro i quali è difficile avere a che fare”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento