Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Ryan Laplante spiega perché utilizza il suo HUD in questo modo…

Un interessante articolo che mette in mostra le doti di Ryan Laplante chiamato in questa occasione a spiegare il settaggio del suo HUD molto..."minimalista"

Scritto da
16/04/2021 14:00

580


Ryan Laplante

Ryan Laplante courtesy PokerNews e Jamie Thomson

Laplante e il suo streaming

Recuperiamo un pezzo molto significativo di uno dei giocatori più ammirati del recente passato, Ryan Laplante, che in una sua apparizione streaming su Twitch, diede consigli preziosi su come settare un HUD nel migliore dei modi. 

Lo stream di Laplante fu speciale perché egli spiegò a fondo ogni decisione che prese per mostrare come si interpreta sia uno stile altamente exploitativo contro i giocatori amatoriali che uno stile GTO ben bilanciato contro i migliori regs. 

HUD minimalista per Ryan Laplante

Ma la prima lezione, parimenti importante che è emersa dalla sua performance, è stata quando ha spiegato il suo HUD piuttosto minimalista.

Laplante utilizza solo cinque statistiche sul suo HUD. 

Esse includono…

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.
  • VPIP – Quante volte un giocatore mette volontariamente i soldi nel piatto
  • PFR – Quante volte un giocatore rilancia preflop
  • RFI – Quante volte un giocatore rilancia per primo da opener preflop
  • 3-Bet – Quante volte un giocatore 3Betta un rilancio preflop
  • STL – Quante volte un giocatore tenta di rubare i bui da late position

Usare solo cinque statistiche può essere in qualche modo sorprendente in un’epoca in cui abbiamo accesso a così tante informazioni. 

Tuttavia, Laplante sostiene in modo convincente il motivo per cui segue questa strada.

Se vuoi, puoi scoprire QUI i bonus SENZA DEPOSITO dei principali concessionari legali italiani

Come spiega lo stesso Laplante, lui usa questa configurazione di base perché queste sono le 5 statistiche che convergono in una dimensione di un campione affidabile nel più breve periodo di tempo. 

Dato che queste sono tutte statistiche preflop, hai l’opportunità di accedere a nuovi dati in quasi tutte le orbite in cui giochi.

Questo non è vero per le statistiche postflop, come le continuation bet (“c-bet”) che ti dicono quanto spesso l’aggressore preflop fa una continuation bet postflop. 

La discriminante del campione congruo

Per ottenere una nuova voce per quella statistica, il giocatore deve rilanciare preflop, non ottenere una three-bet e quindi non essere portato al flop. 

A differenza dell’opportunità di mettere volontariamente denaro nel piatto preflop, questa combinazione di eventi non si presenta molto spesso.

Per dimostrare questo punto, Laplante ha mostrato le statistiche per un giocatore con il quale ha giocato un campione di 300 mani. 

Sembra una dimensione decente, e fa capo a tutte le statistiche preflop. 

Tuttavia, quando ha mostrato il pop-up postflop, abbiamo tutti notato che questo giocatore aveva solo 11 opportunità di c-bet nelle 300 mani che avevano giocato insieme.

Questo non è un campione congruo per poter usufruire di una statistica di c-bet che a prima vista potrebbe sembrare troppo bassa o troppo alta. 

Ciò è particolarmente vero se si considera che la statistica non tiene conto delle differenze di posizione, dimensione dello stack, struttura del tavolo o numero di giocatori che hanno visto il flop. 

Se vuoi, puoi scoprire QUI i bonus SENZA DEPOSITO dei principali concessionari legali italiani

I numeri diventano ancora meno affidabili quando inizi a guardare le statistiche di turn e river.

I dati post flop semplicemente non convergono abbastanza velocemente da essere utili quanto i dati preflop. 

La fallacia dei dati post flop con poche mani giocate

Per questo motivo, Laplante ritiene che tali dati dovrebbero essere visualizzati nel pop-up quando il campione diventa affidabile e non, in generale, nell’HUD sullo schermo. 

E quando visualizzi queste statistiche postflop, invece di guardare il numero di mani giocate, devi guardare il numero di opportunità presentate, per garantire una dimensione del campione decente prima di utilizzare i dati postflop e ragionare di conseguenza.

Laplante dice che molti giocatori, regular o ricreativi, commettono errori in virtù del fin troppo ristretto campione postflop. 

Ricordate questa lezione e tenetela a mente la prossima volta che sarete tentati di fare una giocata basata sulle statistiche dell’interfaccia postflop, se essa abbraccia un campione modesto di mani.