Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

I preziosi consigli di Daniel Arfin sulla gestione del bankroll

Daniel Arfin, apprezzato professionista di poker, svela l'importanza della gestione del bankroll e consiglia anche qualche numero

Scritto da
14/06/2021 17:43

922


Dani Arfin

Dani Arfin

Daniel Arfin parla del bankroll

Questa settimana, parlo con Daniel Arfin, con un professionista del cash game sull’importanza della gestione del bankroll.

“Una gestione prudente del bankroll è il fulcro di un giocatore di poker vincente.”

Queste sono state le parole che Daniel Arfin mi ha detto quando gli ho chiesto cosa contribuisce maggiormanete al suo successo giocando i tavoli da $5/$10 a $10/$20 no-limit hold’em.

Arfin: Bankroll e pazienza

La parte principale del gioco rispetto alla gestione del bankroll è la pazienza”, ha continuato Arfin. “Anche se a volte giochi al tavolo con impazienza, se lo fai mentre gestisci pazientemente il tuo bankroll, il rischio di andare rotto è inferiore rispetto a ciò che succederebbe se facessi il contrario. Il disastro è sempre a portata di mano e lo è senza limiti“.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Arfin ammette di aver preso molte decisioni sbagliate che hanno portato a sessioni costose, ma nessuna di esse ha intaccato in modo significativo il suo bankroll. 

Questo perché non ha mai giocato oltre i propri limiti.

Sono sempre stato un sostenitore dell’eccessivo finanziamento, a prescindere dalla posta in gioco”, ammette Arfin. 

Vincere a poker sarà un viaggio lungo e spesso doloroso. Cercare di farlo troppo velocemente di solito ti porta a piccoli fallimenti e questo può essere l’inizio di un circolo vizioso, uno da cui può essere difficile uscire, e tu non lo vuoi”.

Arfin consiglia di avere almeno un bankroll di 25 buy-in quando si gioca $1/$3 o $2/$5, ma se si vuole veramente essere responsabile e giocare sul sicuro, allora esso dovrebbe essere più vicino a 50 buy-in.

Nel poker nulla è impossibile, dipende da che giocatore vuoi essere

È impossibile andare avanti con 15 o anche 10? No. L’impossibile e il poker raramente vanno d’accordo. Ma perché giocare con quel tipo di pressione? 

Chiunque può prendere una brutta serie di carte in qualsiasi momento“, spiega Arfin.

“L’idea di una buona gestione del bankroll è che ogni volta che succede qualcosa di questo tipo, hai sempre un buon cuscino sotto di te che contiene il tuo livello di stress. Lo stress del bankroll danneggerà il tuo gioco”.

Sebbene questi siano buoni numeri da tenere a mente, Arfin ammette che non sono regole scolpite nella pietra. Ma se li ignori completamente ne pagherai il prezzo.

Devi solo scegliere che tipo di giocatore di poker vuoi essere. Alcuni ragazzi sembrano vivere per lo stile di vita selvaggio di passare da zero a eroe, e poi tornare al verde. 

Tutto perché devono vivere nella corsia di sorpasso e non si preoccupano di essere uno yo-yo con il loro bankroll. 

Questo è quello che vogliono. Quando hanno soldi si impegnano e quando non ne hanno cercano tutti i modi per tornare in scena, anche i meno leciti. 

Alla fine non fanno altro che girare in tondo. È questo che vuoi? Se lo fai, bene. Basta non confondere mai questo stile di vita con quello delle fondamenta di un professionista”.

Pezzo scritto da Chad Holloway per Poker News