Gioco legale e responsabile

Altra Strategia · Come pensano i Pro

Come giocare in bvb contro oppo forte e aggressivo? Ce lo spiega Polychronopoulos

Athanasios Polychronopoulos ha le idee chiare su come giocare in situazione di buio contro buio con alla sinistra un avversario forte e aggressivo. Il poker pro americano suggerisce di giocare molti piatti piccoli, preferendo il call al raise pre-flop anche con mani forti.

Scritto da
03/02/2019 14:15

1.507


Durante il PokerStars Players Championship, i colleghi di PokerNews.com hanno intervistato Athanasios Polychronopoulos, che ad un certo punto del torneo si è ritrovato con alla sinistra nientemeno che Ole Schemion. Non uno degli avversari più facili da affrontare, insomma.

Quale occasione migliore per spiegare come si gioca in situazioni di buio contro buio, da fuori posizione e contro un avversario molto forte e aggressivo?

 

Athanasios Polychronopoulos

Athanasios Polychronopoulos

 

Parola d’ordine: opporre resistenza

Saper giocare in situazioni di buio contro buio, afferma Polychronopoulos, è in generale una parte molto importante nella strategia dei tornei di poker live: “E quando avete un giocatore più forte seduto dopo di voi alla vostra sinistra, credo sia importante opporre resistenza.

Il professional poker player americano, ma di chiare origini ellenice, individua due elementi per affrontare il BvB in questi casi: Mantenere i piatti bassi e non rilanciare. Non ha molto senso farlo, bisogna fare limp sia con mani forti sia con mani deboli. Credo che semplicemente non foldare sia importante”.

Polychronopoulos entra nel dettaglio: “Il vostro avversario rilancerà comunque e prima o poi una delle vostre mani forti arriverà allo showdown, facendogli capire che quando fate call pre-flop lo fate anche con questo genere di mani. Anche se all’inizio perderete qualche chip e un po’ di equity, vi tornerà indietro più avanti nel torneo, quando i bui saranno più alti.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Polychronopoulos e la reazione di Ole Schemion

L’intervistatrice, la bella e brava Sasha Salinger, chiede poi a Polychronopoulos con quali tipi di mano è giusto rilanciare ogni tanto, con quali invece meglio fare limp e con quali mixare un po’: “In generale devo dire che faccio limp con tutto il mio range. Posso pensare di concedere un walk con 7-2 o 8-3, ma già con 9-2 probabilmente me la gioco”.

Un approccio, questo, che Polychronopoulos ha per l’appunto utilizzato durante il PSPC contro Ole Schemion, il quale non ha potuto rimanere indifferente a lungo: “Ad un certo momento ha cominciato ad aumentare la size di raise, specialmente pre-flop. Poi mi ha chiesto se saremmo andati avanti così tutto il giorno e io gli ho risposto di sì, che non gli avrei concesso un walk”.

Una tattica certo non facile da adottare, ma che all’americano ha dato i suoi frutti: “Ha funzionato, perché sono andato bene per tutta la giornata di gioco”.

Registrati su PokerStars.it e BetStars.it e ricevi un bonus di €40 con il tuo primo deposito, inserendo il codice QUARANTA!

Occhio ai giocatori amatoriali

Diverso è il discorso quando alla propria sinistra non si ha un giocatore forte e aggressivo come il pro tedesco, ma magari un player amatoriale: “In situazione di buio contro buio tendo comunque a non foldare spesso, ma contro recreational player che non sfruttano a pieno il vantaggio della posizione concedo qualche piatto.

Ecco il video dell’intervista a Polychronopoulos:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento