Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

L’hand selection nei tavoli short-handed

Scritto da
20/08/2012 06:32

16.879


Quando vi ritrovate a giocare in tavoli con soltanto 6 giocatori, come può capitare in un sit’n’go o durante un torneo multitavolo, le premium hand si vedono meno spesso dato che il numero di carte distribuite è inferiore.

Per coloro che non aggiustano di conseguenza i proprio range di apertura, le possibilità di compromettere le chance di vittoria risulteranno alte poiché giocheranno un numero di mani inferiore a quello utile a contrastare l’aumentata frequenza nel pagamento dei bui.

Esiste naturalmente il modo di porre rimedio a tale leak, e per farlo occorrerà innanzitutto conoscere le probabilità di ricevere delle carte specifiche in un tavolo fullring e poi ricalcolarle per il nostro scopo.

Ad esempio, le odds di ricevere una coppia d’Assi sono di 220:1. In un tavolo con 10 giocatori e ipotetiche 90 mani ad ora, i pocket aces faranno la loro comparsa in media 4 volte ogni sessanta minuti ([10 x 90] / 220). Con 6 player in azione e considerando per comodità lo stesso ritmo di gioco, una mano come AA sarà distribuita circa 2,5 volte ogni ora ([6 x 90] / 220), oppure il 40% meno spesso.

Espandendo questa discorso ad un range di apertura tipico per un giocatore tight, potrebbe venire fuori qualcosa di simile:

  • Frequenza di JJ+ entro 90 mani in un tavolo fullring = 16,67
  • Frequenza di JJ+ entro 90 mani in un tavolo short-handed = 10
  • Frequenza di qualsiasi AK entro 90 mani in un tavolo fullring = 11
  • Frequenza di qualsiasi AK entro 90 mani in un tavolo short-handed = 6,50
  • Frequenza di qualsiasi AQ, AJ, AT suited entro 90 mani in un tavolo fullring = 8
  • Frequenza di qualsiasi AQ, AJ, AT suited entro 90 mani in un tavolo short-handed = 5

Di conseguenza, e da quanto appena specificato, dovrete compensare la minor frequenza delle premium hand aggiungendone di altre nel vostro opening-range. Quel JJ+ dovrebbe diventare 88+ e “qualsiasi AK” dovrebbe cambiare in “qualsiasi AK o AQ”. Tra le mani suited dovreste invece aggiungere anche KQ, KJ e KT.

Queste indicazioni derivano dal fatto che le odds di ricevere 88+ sono infatti di 31:1 mentre per JJ+ meno il 40% sono pari a 32.4:1. E lo stesso vale per il secondo caso, poichè per AQ insieme a qualsiasi AK le odds sono di 42:1 invece di (82:1 – 40%) 49:1.

Un opening-range più wide compenserà la minor frequenza delle mani che selezionate per il fullring e vi renderà più competitivi nel Texas Hold’em short-handed.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento