Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

Perché open-limpare è di solito una cattiva idea (1° parte)

Scritto da
27/03/2011 11:32

11.051


Direttamente dal blog personale del giocatore professionista Tony Guerrera, vi riportiamo la traduzione di un altro interessante post strategico sull’open-limp pre-flop.

“Ultimamente, ho fatto diverse sessioni di coaching con i miei allievi ed un argomento in particolare è saltato fuori in più di un’occasione: l’open-limp. Questa azione riguarda l’ipotesi in cui vi limitate ad entrare in un piatto semplicemente callando per l’entità del grande buio.

Nelle partite di No Limit Hold’em, con avversari estremamente passivi, che non rilanciano molto pre-flop e che sono disposti a giocarsi parecchie chips post-flop, open-limpare ha senso per mani come ad esempio le coppie medio-basse. Tuttavia, oltre a questo aggiustamento exploitativo, nelle altre situazioni frutta davvero poco se il vostro obiettivo è quello di vincere denaro.

Uno dei problemi fondamentali con questo tipo di approccio riguarda il cosa fare con le mani più forti. Se open-limpate con starting hand mediocri e rilanciate con quelle più strong, allora tanto vale che giochiate a carte scoperte. Il discorso diventa invece più corretto se siete disposti a limpare anche con le big hands.

Ma cosa pensate di ottenere con una strategia del genere? Volete provare a mantenere un range bilanciato e a limp-reraisare abbastanza spesso così da poter entrare in gioco con mani speculative? Se le cose stanno proprio così, quante chips pensate realmente di estrarre nei successivi giri di puntate quando il piatto ha buone probabilità di rimanere basso? Credete di riuscire ad indurre un rilancio da parte dell’avversario cosicché voi possiate limp-reraisare con il top del vostro range? In tale ipotesi, quanto spesso pensate che gli opponent rilanceranno? In altre parole, state permettendo ai giocatore sui bui di fare più di quanto dovrebbero lasciandogli ampie opportunità di vedersi dei flop gratis.

Invece di open-limpare, considerate un raising-range contro cui gli altri abbiano difficoltà a giocare. Le mani da open-raisare da ogni posizione dovrebbe essere sufficientemente wide da includere roba che:

  • Serva effettivamente come parte di bluff del vostro range pre-flop
  • Vi permetta di rappresentare mani forti su un numero consisteste di board quando siete deep stack

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento