Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

Sei considerazioni sulla scelta del tavolo a cui sedersi. Comanda il profitto, ma occhio ai dettagli

Una decina di tavoli, alcuni posti vuoti, altri in lista d’attesa, dove ci sediamo? Conosciate voi stessi, state attenti all'orario, siate "comodi" e se potete, cambiate.

Scritto da
20/05/2020 14:00

1.387


 

Proprio in questi giorni i Casinò d’oltre oceano stanno ricominciando a parlare di riapertura, è ancora presto, ma non è male ripassare alcuni concetti che proiettino i giocatori in una certa ottica, in attesa che le poker room riaprano anche in posti meno lontani dal nostro. 

CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

La scelta del tavolo, comanda il profitto

Sei entrato in una sala da poker con almeno una decina di tavoli cash game. Ci sono alcuni posti vuoti e per alcuni di essi occorre attendere brevi liste d’attesa. Come decidi dove sederti?

Presumo che la tua prima considerazione riguardi il profitto. Ma ce ne sono delle altre.

A volte vogliamo sederci allo stesso tavolo di qualcuno che conosciamo o, ad esempio, con una buona visione di un evento sportivo nelle eventuali TV appese alle pareti. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Ma per la maggior parte dobbiamo pensare a quale situazione sarà probabilmente la più redditizia.

Come si fa a valutare la qualità del gioco prima di sedersi?

Nel tuo casinò preferito, questo può sembrare un esercizio abbastanza facile. In effetti, a volte lo è. Se giochi in una sala da poker con un tavolo, non c’è scelta. 

Se giochi in una room con un paio di tavoli, ti potrebbe essere richiesto di giocare nell’unico posto disponibile, per cui non ti è data scelta. 

Ma se stai visitando una sala abbastanza grande – diciamo, durante le World Series of Poker 2021, te lo auguriamo, quando giochi all’ARIA, Bellagio, Wynn, Orleans, Rio o altrove a Las Vegas – hai alcune scelte da fare. Come fai a decidere?

Ad alcuni giocatori non importa dove si siedono. Hanno la loro posta in gioco preferita e, ad esempio, – €1 / € 2 o €2 / €5 no-limit hold’em – prendono semplicemente il primo posto che viene loro offerto e rimangono lì per tutto il tempo.

E per alcuni di loro, questo comportamento di tipo casuale funziona bene. Possono essere abbastanza abili da dominare qualsiasi gioco, non importa quanto sia difficile. Possono essere all’interno di quella percentuale molto risicata di giocatori che sono abbastanza flessibili e bravi da cambiare il loro stile per adattarsi a qualsiasi situazione e sfruttare gli avversari, non importa quanto abili.

Ma per il resto di noi – per la stragrande maggioranza di noi – non essere selettivi sul tavolo in cui sedersi, è un errore enorme.

Ecco sei considerazioni per aiutarti nella selezione del tuo tavolo di cash game.

Chips

Giocatore di poker, conosci te stesso!

Il primo passo è conoscere te stesso. Che tipo di giocatore sei? Sì, so che ti piace pensare a te stesso come a un giocatore equilibrato, completo, in grado di sfruttare qualsiasi situazione di gioco. Idealmente, è quello che vorremmo essere tutti. Ma in realtà sei quasi sicuramente più un tipo di giocatore che un altro.

Ti piace giocare in modo aggressivo per la maggior parte del tempo mentre cerchi di dominare i tavoli con il tuo stile a volte quasi maniac? O sei più tranquillo, entrando relativamente in pochi piatti, ma giocandoli in modo aggressivo – in altre parole, tight aggressive?

Nel secondo caso dovrai guardare un’orbita o due per esserne sicuro, ma i capelli grigi sono spesso un segno positivo per te, poiché i giocatori più anziani tendono a giocare in modo più seducente e prevedibile rispetto ai giocatori più giovani.

Questo è un posto generalmente attraente, poiché non ti piace dover andare sulle montagne russe. Preferiresti essere in grado di aspettare pazientemente le tue mani di alta qualità, o altre situazioni selettive, prima di impegnare un sacco di soldi nel piatto. Avere giocatori molto aggressivi al tavolo renderebbe tutto più difficile.

Trova un tavolo dove ti senti più a tuo agio

Non ci sono premi per fare del tuo meglio in una brutta situazione. Devi essere disposto a riconoscere quando sei fuori dalla tua comfort-zone e lasciarla per cercare un’isoletta migliore.

Può essere che ti annoi con i giocatori passivi e spesso inattivi e la tua attenzione potrebbe via via svanire. Oppure ancora verrai outplayato spesso col tuo gioco da players tight o persino più aggressivi di te. Se non ti senti a tuo agio e non riesci a giocare il tuo A-game, dovresti trovare una partita che si adatti meglio a te.

Trova una partita dove ci sia del denaro sufficiente al tavolo

Evita le partite con giocatori short-stack. Se non ci sono soldi a sufficienza al tavolo, la rake e le mance consumeranno un’enorme percentuale del tuo potenziale profitto.

D’altro canto è vero che i giocatori a volte giocano con enormi stack, proteggendo le loro vincite e non dando alcuna azione se non quando si sentono piuttosto sicuri, ma è altrettanto certo che un tavolo pieno di rocce short stack non sarà così redditizio a lungo termine come uno con più soldi in gioco.

Considera l’ora del giorno in cui stai giocando

I players tendono a giocare meglio quando sono più svegli e riposati. Di conseguenza, i tavoli del primo pomeriggio fino a tarda sera tendono ad essere i meno semplici.

Naturalmente questo non è universalmente vero. Alcuni giocatori tendono ad essere più prevedibili e più facili da leggere quando stanno giocando il loro “miglior” poker durante il giorno e potresti essere in grado di approfittare meglio di questa situazione

Ma per la maggior parte, le partite sono migliori a tarda notte e nelle prime ore del mattino quando molti hanno bevuto, hanno perso la concentrazione o sono solo semplicemente molto stanchi. 

Ci sono professionisti che rivoluzionano il loro ritmo circadiano tanto da uscire dalla loro stanza intorno alle 3 o alle 4 del mattino dopo un buon sonno e che si siedono ai tavoli che manifestano questo tipo di sintomo per approfittare dei loro errori.

Chips

La risata fa bene al gioco

Le partite con giocatori che si divertono non sono solo più divertenti, ma generalmente più redditizie rispetto a quelle con avversari seri. Vogliamo risate, conversazione e un’aria generalmente amichevole. Significa che i giocatori si divertono e non si concentrano solo ed esclusivamente sul poker. Se miriamo al profitto questo tipo di dettaglio può essere vincente.

Essere disposti a spostarsi e trovare un posto migliore

Troppo spesso i giocatori di poker rimangono seduti ora dopo ora dentro una brutta partita, o sopraffatti dall’inerzia o forse perché non riescono a notare quanto sia poco profittevole quel tavolo.

Scarsi risultati tendono a offuscare il nostro miglior giudizio sulla partita che stiamo affrontando. Non è raro il caso in cui abbiamo notato giocatori convinti che il terribile andamento della loro serata li avrebbe in qualche modo premiati per la loro lealtà al posto e “la fortuna era destinata a cambiare percorso, prima o poi”.

Per questo motivo, sia che il gioco appaia buono, poco profittevole o del tutto ininfluente sul nostro bank roll, il consiglio è quello di prendere l’abitudine di alzarsi ogni ora o due, allontanarsi dal tavolo per almeno alcuni minuti e pensare alla qualità del gioco. Prenditi del tempo lontano dal tavolo per esplorare alcuni degli altri tavoli per vedere se ci possono essere posti più redditizi.

E se li trovi, cambia!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento