Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

Texas Hold’em e le odds di un runner runner

Scritto da
13/09/2012 05:53

16.051


Uno dei più fastidiosi momenti in una partita di poker è andare allo showdown in grande vantaggio sul flop, e vedersi superare da un runner runner, ovvero una circostanza in cui l’avversario centra sia il turn che il river favorevoli. Quest’oggi vedremo come determinare le probabilità che si verifichi questa circostanza.

Consideriamo, ad esempio, che il dealer vi abbia distribuito 10 10 e che il board sia 10 2 6 : voi puntate e l’altro va all-in mostrando 9 9 dopo il vostro call. Quali sono dunque le sue chance di centrare qualcosa fra turn e river che lo aiuti a battere il vostro top set?

Innanzitutto, prendiamo in esame le combinazioni di carte con cui potrebbe aggiudicarsi il piatto: con due 9 consecutivi centrerebbe un quads mentre con un 7 ed un 8 chiuderebbe una scala. In tutte le altre ipotesi sareste voi i vincitori.

Per calcolare le possibilità che esca un 9 al turn ed un 9 al river, consideriamo che le carte ancora sconosciute sono 45: sul turn avrà dunque due outs (pari al 4,44%) e – nel caso una di esse si presenti sul board – al river avrà il 2,27% di probabilità di beccare l’ultimo 9 rimasto nel mazzo. La percentuale totale, ottenuta tramite la moltiplicazione delle due appena indicate, si assesterà pertanto sullo 0,1%. Per quanto riguarda lo straight draw, le odds che l’altro chiuda la scala sono leggermente più alte avendo più carte a disposizione.

Sul turn potrà contare su 8 outs (i quattro 7 e i quattro 8) e, nel caso ne becchi una, su quattro carte utili per vincere al river. Procedendo come prima, otterremo il 17,7% al turn e il 9,09% sull’ultima carta, che moltiplicate fra loro ci daranno una percentuale totale dell’1,616%. Sommando quest’ultima a quella per il quads, le possibilità che l’altro vi superi con un runner runner saranno dunque pari all’1,716%.

(vedi anche Il calcolo delle outs)

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento