Gioco legale e responsabile

Business

Poker live: per il TAR Lombardia si può giocare a Brescia!

Scritto da
28/11/2013 15:01

6.961


Come previsto, anche la giustizia amministrativa si sta allineando alla giurisprudenza della Cassazione penale nel poker live: la seconda sezione del TAR della Lombardia ha dato ragione al circolo “Black King” del piccolo paese di Urago D’Oglio, in provincia di Brescia.

poker-live-brescia

Per i giudici amministrativi regionali non si ravvisa il reato d’azzardo quando si organizzano tornei di poker sportivo. Il texas hold’em – in questa modalità – è un gioco d’abilità. Il primo TAR a prendere posizione favorevole è stato quello della Puglia.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Ecco la sentenza pubblicata dall’agenzia Agimeg: “Legittima l’organizzazione di tornei di poker sportivo da parte di circoli associativi, purché vengano osservate le condizioni indicate dalla giurisprudenza penale e sia garantito il rispetto delle disposizioni tributarie”.

“Tra le attività del circolo associativo assume particolare importanza lo svolgimento di giochi da tavolo. Questo non significa però che venga necessariamente praticato il gioco d’azzardo. L’art. 38 comma 1–b del DL 4 luglio 2006 n. 223 qualifica i giochi di carte di qualsiasi tipo, organizzati sotto forma di torneo, come giochi di abilità, a condizione che la posta di gioco sia costituita esclusivamente dalla quota di iscrizione. La medesima norma prevede una regolamentazione sotto il profilo concessorio e fiscale soltanto per i giochi di abilità a distanza.

I principi per la regolamentazione dei giochi di abilità a distanza (e dei giochi leciti in generale) sono stati fissati dall’art. 24 commi 12-26 della legge 7 luglio 2009 n. 88. Al di fuori della categoria dei giochi a distanza, i commi 27 e 28 della medesima norma rinviano a una regolamentazione specifica per i tornei di poker sportivo (poker texano,Texas Hold’em), fissando le condizioni necessarie per poter escludere la natura di gioco d’azzardo.

Facendo riferimento a questo quadro normativo, definito nei principi ma non nelle norme di dettaglio, la giurisprudenza penale (v. Cass. pen. Sez. III 20 giugno 2013 n. 32835; Cass. pen. Sez. III 24 maggio 2012 n. 28412; Cass. pen. Sez. III 12 ottobre 2011 n. 43679) esclude i tornei di poker sportivo dalla fattispecie del gioco d’azzardo (e quindi dalle previsioni degli art. 718-720 cp) quando la posta in gioco sia costituita dalla sola quota d’iscrizione, ossia quando la perdita consista in una predeterminata quantità di fiches (chips) al cui esaurimento il giocatore è automaticamente eliminato senza possibilità di rientro (freezeout).

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Se in questi limiti l’organizzazione di tornei di poker sportivo costituisce attività lecita, come tale tutelata nei confronti dell’amministrazione, occorre però sottolineare che il legislatore nazionale ha ormai stabilito di non consentirne il libero esercizio nel mercato. In particolare, l’art. 24 comma 34 del DL 6 luglio 2011 n. 98 subordina il poker sportivo al rilascio di apposite concessioni novennali (in numero non superiore a 1.000), e prevede che tali concessioni siano aggiudicate tramite gara su una base d’asta pari a € 100.000. La norma fissa anche stringenti requisiti di partecipazione alla gara, e stabilisce le modalità di tassazione (3% della raccolta).

Quando la regolamentazione dei giochi leciti sarà definita in dettaglio, e implementata, si porrà il problema della sua compatibilità con i principi comunitari (in particolare per quanto riguarda la proporzionalità dei requisiti di partecipazione all’asta).

Nella fase interinale, tenuto conto delle indicazioni della giurisprudenza comunitaria circa i ristretti limiti di ammissibilità di un monopolio statale sui giochi leciti (v. C.Giust. Sez. IV 15 settembre 2011 C-347/09, Dickinger, punti 63-69), si ritiene legittima l’organizzazione di tornei di poker sportivo da parte di circoli associativi, come nel caso in esame, purché vengano osservate le condizioni indicate dalla giurisprudenza penale sopra richiamata e sia garantito il rispetto delle disposizioni tributarie (per un caso analogo v. TAR Lecce Sez. I 25 maggio 2011 n. 968)”.

Una sentenza come molte altre, ma l’elemento innovativo è che è stata scritta da un tribunale amministrativo e con una decisa presa di posizione nei confronti dell’articolo 24 della Legge n.88 del 2009: l’organizzazione dei tornei di poker sportivo è permessa – secondo anche il TAR Lombardia – fino a quando non sarà data attuazione alla norma.

In questo momento vi è un’evidente vacatio legis ed i giudici si sono sostituiti al legislatore. Le Questure invece continuano ad agire a prescindere dalla posizione chiara della giurisprudenza: abbiamo pubblicato stamani la notizia di un blitz della polizia a Roma.

Pochi giorni fa è stato posto sotto sequestro un immobile a Brindisi che ospitava un circolo. A dire il vero, il poker sembra entrarci poco in questa storia: il locale era di proprietà di un membro della Sacra Corona Unita, finito in manette la scorsa settimana. Al titolare del circolo (in affitto) è stato permesso di ritirare i propri tavoli ed il materiale dell’associazione. Ogni caso singolo ha le sue dinamiche e spesso giudicare con informazioni limitate può essere fuorviante per disegnare un quadro generale tutt’altro che omogeneo.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento