Gioco legale e responsabile

Business · casino

Il Boss di Las Vegas e dell’NBA propone una mega fusione tra Caesars e Golden Nugget: SinCity pronta a cambiare pelle

Tillman Fertitta è pronto a scalare i vertici di Caesars e di gestire una delle multinazionali più famose di Las Vegas a recitare di nuovo un ruolo di primo piano.

Scritto da
24/10/2018 15:30

1.057


Uno degli uomini più influenti di Las Vegas, Tilman Fertitta, Presidente, CEO e proprietario di Landry’s Inc (la società madre di Golden Nugget Casino) ha presentato un’offerta di fusione ad una delle catene di casinò più importanti non solo del Nevada ma di tutti gli Stati Uniti: Caesars Entertainment.

Fertitta è senza dubbio il manager ed imprenditore emergente della città delle luci, oltre ad essere considerato da Forbes il ristoratore più ricco del mondo.

Il Golden Nugget, casinò storico di Vegas

Il miliardario ha acquistato nel 2017 la franchigia NBA texana degli Houston Rockets per 2,2 miliardi di dollari. E’ un esperto degli sport professionistici: è stato uno dei fondatori degli Houston Texans, team NFL (football americano) fondato nel 1999 e che ha iniziato a giocare nel 2002. Nel 2008 ha però venduto le sue quote perché costretto per la natura del suo main business, il gambling. Al tempo vi era incompatibilità. E’ presidente anche di una Università statale in Texas.

Con l’operazione di acquisto degli Houston Rockets risulta essere l’unico proprietario di un casinò che possiede una franchigia.

Una fusione che condizionerà la geografia di Las Vegas e Atlantic City

L’operazione di fusione tra la sua società e Caesars vede coinvolti parecchi hotel-resort casinò di SinCity ma non solo: le due multinazionali del gioco hanno proprietà rilevanti anche ad Atlantic City ed in tutti gli States. Landry’s è proprietaria di casinò anche a Biloxi (Mississippi) e Lake Charles (Louisiana).

Secondo indiscrezioni molto attendibili le parti avrebbero già discusso dell’affare in alcuni meeting ad altissimo livello. Secondo CNBC, Fertitta è disposto a pagare 13$ per ogni azione di Caesars che a New York è attualmente scambiata a $10,20 per share, dopo che il titolo ha registrato un’impennata a seguito di questi rumors.

L’incorporazione “inversa”

L’aspetto curioso è che Golden Nugget è considerata per capitalizzazione una società molto più piccola di Caesars, inoltre la gambling company di Fertitta è privata mentre Caesars è quotata in borsa. Di fatto quindi sarebbe un’acquisizione inversa, ovvero sarebbe Caesars a rilevare Golden Nugget, ma dovrebbe essere Fertitta a prendere il controllo della nuova realtà come Presidente, amministratore delegato e maggiore azionista (visto che acquisterebbe un rilevante pacchetto di controllo dagli attuali azionisti di Caesars).

L’affare visto dagli analisti

Secondo Chad Benyon, esperto analista nel mercato del gambling, le società di casinò avrebbero raggiunto il picco negativo peggiore degli ultimi 5 anni nelle quotazioni sui mercati e, per questa ragione, sono favorite molte fusioni ed acquisizioni, essendo le aziende molto più economiche da acquistare.

Caesars nel 2018 è in caduta libera a Wall Street a seguito di alcune acquisizioni giudicate sbagliate e troppo onerose (in particolare di due ippodromi). La multinazionale di Las Vegas per due anni ha lottato per evitare il fallimento e superata questa fase si attendeva una boccata d’ossigeno per gli azionisti. I problemi però sembrano essere di governance ed il board potrebbe essere cambiato nei prossimi mesi con il CEO Mark Frissora in bilico.

La bellezza del Caesars Palace di Las Vegas

Fertitta persona giusta per il rilancio: la sua storia

Fertitta potrebbe essere, sotto questo punto di vista, la persona giusta per il rilancio della società proprietaria di uno dei casinò più famosi di Vegas: il Caesars Palace.

E’ senza dubbio un uomo che riesce a trasformare in oro tutto quello che tocca: ha iniziato a dare vita al suo impero nel 1980 quando entrò in partnership nel primo Landry’s restaurant: Landry’s Seafood. Poi è entrato in un’altra nota catena: Willie G’s Seafood & Steaks. Otto anni dopo era proprietario unico di entrambi. Nel 1993 ha quotato la sua società ma nel 2010 ha acquistato tutte le azioni sul mercato e l’ha resa di nuovo privata.

Partecipa a Spin and Goal e prova a vincere su PokerStars.it fino a 1.000.000 di euro! Se non sei già iscritto/a, registrati subito!

Ladry’s possiede tra i marchi più famosi negli States Golden Nugget Hotel & Casino (a Las Vegas e Atlantic City), Rainforest Café, Morton’s The Steakhouse, Bubba Gump Shrimp Co. e McCormick & Schmick’s Seafood, oltre ad altri hotel e strutture per l’intrattenimento.

Il punto di vista degli investitori

Tilman è stato nominato – come detto – il ristoratore più ricco del mondo. E gli investitori vedono di buon occhio l’operazione. Secondo Credit Suisse la fusione è possibile e permetterebbe un consolidamento nel settore: “il portafoglio di Golden Nugget casinò è di alta qualità e Fertitta sarebbe una garanzia per la gestione. L’esperienza ed i brand dei ristoranti di Landry sono complementari. Entrambe le società hanno un grosso database e vi possono essere importanti sinergie di marketing e cross-selling in relazione alle scommesse sportive”.

Daniel Politzer, analista di JPMorgan, ha dichiarato: “supponiamo che con questa operazione Fertitta possa contribuire a finanziare l’operazione di fusione attraverso un’operazione di leaseback di vendita (vende la proprietà ma la gestisce in affitto e può riacquistarla in futuro, ndr) di alcune proprietà (a Las Vegas, Laughlin e Atlantic City). La nuova società combinata inoltre cederebbe una proprietà ad Atlantic City. Potrebbe essere Bally’s in quanto il più piccolo casinò”.

Le vendite ad Atlantic City e Las Vegas

In realtà JPMorgan ignora che Caesars sta gestendo ad Atlantic City sia Bally’s che Caesars ma ha venduto le due proprietà e le sta gestendo in leaseback. Caesars a fine 2017 ha venduto i due casinò a VICI Properties ma continua a gestirli pagando un canone d’affitto (ed ha la possibilità di riacquisto). Questa operazione è stata fatta per riuscire ad evitare la bancarotta. La stessa identica operazione è stata fatta a dicembre del 2017 a Las Vegas per Harrah’s.

Tillman Fertitta

Fertitta: i cugini Frank e Lorenzo

Fertitta è un cognome molto conosciuto a Las Vegas e nel mondo del gambling. I suoi cugini di terzo grado Frank e Lorenzo Fertitta possiedono quasi la metà di Station Casinò (una delle catene più famose di SinCity). Fertitta Interactive è stato, attraverso Ultimate Poker, la prima poker room legaale autorizzata negli Stati Uniti. Lanciata nel 2013 in Nevada ha chiuso nel novembre del 2014.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento