Gioco legale e responsabile

Live

Ali Imsirovic: “Come sono passato dal NL 5 agli high roller da 100k? Amicizie e GTO”

Parla Ali Imsirovic, il giocatore 23enne che sta conquistando la scena high roller. Ecco com'è passato dal NL 5 ai tornei da 100k in pochi anni

Scritto da
08/11/2018 16:30

1.136


Come abbiamo scritto in un articolo di un paio di mesi fa, la nuova stella degli high roller live si chiama Ali Imsirovic. Il giocatore di origini bosniache ha goduto di una run importante in una kermesse dedicata ai tornei high roller live che si è svolta a Las Vegas, nella quale ha centrato tre final table e ha vinto due tornei per un totale di oltre 1.3 milioni di dollari incassati. Avevamo già raccontato a grandi linee la storia di questo giovane poker pro ma in un’intervista per CardPlayer.com Imsirovic ha parlato personalmente del suo incredibile percorso.

Fino a pochi anni fa, infatti, giocava il NL 5 online. Era dunque uno dei migliaia di giocatori dei micro stakes e probabilmente non avrebbe mai creduto alla piega che la sua carriera avrebbe preso di lì a poco…

La scalata di Ali Imsirovic: dal NL 5 agli high roller

Per alcuni poker player fu Rounders ad accendere la passione per il gioco, mentre per altri fu il successo di Chris Moneymaker. Imsirovic, invece, appartiene a un’altra generazione…

“Scoprii il poker nel 2010 guardando il final table del Main Event WSOP. Era l’edizione con Michael Mizrachi e Joe Cheong (e del nostro Filippo Candio, ndr), quella vinta da Jonathan Duhamel. Vedevo Cheong, questo pazzo ragazzino asiatico, bluffare tutti, ma anche Mizrachi mi affascinava perché non aveva paura di nessuno. Pensai che fosse un gioco straordinario. Per me non ci fu “l’effetto Moneymaker” ma “l’effetto Mizrachi-Cheong“. Iniziai a leggere libri di strategia sul poker e non appena compii 18 anni mi iscrissi a una poker room”.

Joseph Cheong, nel Main Event WSOP 2010

Imsirovic spiega che tutto ebbe iniziò con un “regalo” del padre.

“Quando compii 18 anni mio padre mi diede $60. Mi iscrissi a un torneo e lo vinsi per $1.500. Fu un inizio fortunato. Investii $100 online e iniziai a giocare ai micro stakes. Sono rimasto bloccato al NL 5 per molto tempo. Non ero molto forte all’epoca ma giocare mi piaceva e giocavo molto”.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

La vittoria da 30k e l’errore di saltare i livelli

La svolta ci fu quando Imsirovic comprese che il poker poteva essere più di un hobby.

“Un paio di anni fa decisi di dedicarmi seriamente allo studio e al gioco. Così iniziò la mia scalata nel cash game fino ad arrivare al NL 100, ma tutto cambiò quando vinsi un torneo online per $30.000. A quel punto pensai erroneamente di essere il migliore e iniziai a giocare al NL 400 e al NL 600 online, senza nemmeno passare dal NL 200. Non ero pronto per questo salto e persi un sacco di buy-in. Ma soprattutto mi resi conto che vincere un torneo non significa assolutamente nulla“.

Ali Imsirovic dopo la vittoria di un torneo live

Come si studia la GTO

Così Ali si rimise a studiare duramente. Con la scoperta della strategia GTO, la sua carriera è cambiata completamente.

“Al giorno d’oggi studiare il poker significa lavorare sui solver. Sono software che analizzano le mani e determinano qual è la giocata matematicamente giusta. È un approccio estremamente matematico: ti siedi, fai partire il programma e fai eseguire le simulazioni. Così capisci esattamente perché il solver fa una certa mossa e puoi capire come e perché deviare dalla GTO quando è necessario parlo. Studiare il poker è molto difficile oggi ma io trovo che sia divertente“.

“Voglio vincere più high roller possibili”

Tornando alla sua carriera, Ali Imsirovic spiega come è passato dai mid-stakes del cash game online ai tornei high roller.

“Da sempre ho cercato di imparare dai giocatori più forti ed esperti di me. Ho conosciuto pro che si schieravano agli high roller e ho iniziato a tempestarli di domande. Con alcuni di loro ho stretto amicizia e quando ho iniziato a guadagnare bene con il poker ho deciso di non aspettare ma buttarmi subito sulla scena high roller. Per farlo, ovviamente, è necessario vendere action. Sono stato fortunato ad avere vicino a me persone che credevano nel mio potenziale e hanno comprato la mia action. All’inizio di quest’anno non me lo sarei mai immaginato ma a settembre giocavo i $25.000 e i $50.000…

Ali Imsirovic

 

Ali Imsirovic ha poi runnato alla grande durante questi shot, ma ha anche dimostrato di avere le giuste abilità. Così ha conquistato definitivamente i suoi finanziatori, che lo hanno fatto sedere anche in un evento da $100.000 di buy-in. Oggi il giovane poker pro americano può partecipare a qualsiasi torneo da $25.000 e $50.000 vendendo action ma tra poco farà level-up

“Ora voglio concentrarmi sui tornei high roller live. Il mio obiettivo è di vincerne il più possibile e tra poco prenderò parte ai due tornei più alti della mia vita: il $250.000 di Party ai Caraibi e il $300.000 dell’Aria il prossimo mese. L’obiettivo è di mettermi alla prova agli stakes più alti e contro i migliori al mondo. Voglio migliorarmi fino a poter considerare me stesso uno dei più forti”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento