Gioco legale e responsabile

Live

Bertrand Grospellier distrutto, l’avversario lo irride: “Non si giocano gli assi deboli”

Un giovanissimo Bertrand Grospellier sfiora la vittoria all’EPT Copenaghen, perdendo l’heads-up contro Magnus Petersson. In questa mano, lo svedese è fortunato al river e si permette di dare una lezione di poker a ‘ElkY’. Il tempo, però, darà più che ragione al player francese…

Scritto da
25/11/2016 10:03

2.750


Gennaio 2007, EPT Copenaghen: un giovane Bertrand Grospellier arriva per la prima volta in vita sua al tavolo finale di un evento così importante. Non è ancora ‘ElkY’, o meglio, non è ancora il nostro ‘ElkY’, ma quello che arriva da Starcraft.

Lo diventerà da lì a breve, e chissà che non sia stato anche il brutto colpo subito allo European Poker Tour a dargli la determinazione necessaria a diventare uno dei migliori giocatori di poker da torneo di sempre.

Bertrand Grospellier

Bertrand Grospellier ‘vintage’

Set di 2 contro full di 3

Tavolo finale dell’EPT Copenaghen, dicevamo. Siamo in heads-up e Bertrand Grospellier si appoggia da bottone con A 2 . Il suo avversario, Magnus Petersson, con 3 3 decide di fare check.

Il flop è 7 10 2 ed entrambi i giocatori fanno check. Il turn è un 2 che fa balzare in testa ‘ElkY’: il francese, dopo il check altrui, prende l’iniziativa e punta. Petersson ci pensa un paio di secondi prima di chiamare.

Il river è un beffardo 3 .  Lo svedese chiude un full house e fa check, tentando di intrappolare Bertrand Grospellier; il transalpino punta di nuovo e deve affrontare l’all-in altrui. ‘ElkY’ vede, ma non crede ai suoi occhi quando Magnus Petersson gira la sua pocket pair di 3.

 Il tempo, si sa, è un gran dottore

Mentre Bertrand Grospellier si dispera per un piatto che cambierà le sorti dell’heads-up, Petersson lo ammonisce: “Non si giocano gli assi deboli”. Tralasciando la mancanza di stile dello svedese, col senno di poi è curioso pensare a come lo svedese abbia cercato di impartire una lezione di poker al più giovane collega.

Peccato che nei nove anni seguiti all’EPT Copenaghen, Petersson abbia vinto poco meno di $200.000 in più rispetto ai $706.000 intascati per quella vittoria. Bertrand Grospellier, invece, in carriera ha sfondato il muro dei 10 milioni di dollari e soltanto nei tornei di poker live.

Mentre Petersson tornava nell’anonimato, ‘ElkY’ diventava uno dei soli cinque giocatori al mondo a conquistare la Triple Crown, vincendo un braccialetto WSOP (Seven Card Stud Championship nel 2011), una picca EPT (PCA 2008) e un anello WPT (Championship 2008).

La mano tra Bertrand Grospellier e Magnus Petersson

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento