Gioco legale e responsabile

Live

EPT Grand Final: i destini incrociati di Sammartino e Pantling

Scritto da
11/05/2013 00:21

7.005


Dario Sammartino (photo Manuel Kovsca, PokerStars)La domanda su quanti colpi di fortuna ci vogliano per vincere un grande torneo di poker è forse destinata a rimanere senza risposta. Di certo, per citare un celebre adagio pokeristico, “non si vince un torneo a colpi di sfiga”. La storia di Dario Sammartino e Andrew Pantling all’EPT Grand Final è in questo senso emblematica, raccontando una tipica “sliding door” da MTT in entrambi i suoi sviluppi – quello da incubo e quello da favola.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Nel day 3 di giovedì il forte napoletano si è ritrovato a giocarsi un allin preflop partendo da un enorme vantaggio nei confronti di Pantling: AA vs AQ, che significa qualcosa come 93% contro appena 6. Una donna sul flop e una sul river consegnavano il monster pot da 800mila chips al canadese che schizzava fra i primissimi nel chipcount, mentre il nostro era costretto a remare fra i più short.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Così, a fine giornata, il 6% preflop di Pantling si era trasformato in 943mila gettoni per un terzo posto parziale, mentre il 93% di MadGenius87 si era tradotto in 113mila misere chips, per un 31° posto su 34 rimasti.

Dario non si è dato per vinto, ha iniziato la giornata di ieri con la ferma intenzione di vendere a caro prezzo i suoi 10 big blind scarsi, riuscendo a galleggiare fino a che i giocatori rimasti erano 19, ad appena 3 eliminazioni dalla fine del day 4. Con uno stack di poco inferiore alle 400mila fiches, Dario apre da bottone a 32mila (bui 8000/16000 con ante 2000), venendo 3bettato fino a 83mila da Victor Ramdin. Il PokerStars Pro originario della Guyana copre l’italiano in chips anche se non di molto, Dario ci pensa qualche istante prima di dichiarare l’allin, chiamato istanteneamente dal rivale: q k per Sammartino, a j per Ramdin. Il board 2 6 7 6 5 non apre mai concrete speranze per Dario, che esce dunque 19° per un premio da 30.000€.

Intanto, poco più in là, Andrew Pantling continua a  capitalizzare al massimo quel colpo di fortuna ottenuto il giorno prima, e chiude la giornata al comando con ben 2,2 milioni in chips ed un nettissimo vantaggio sul secondo – John Juanda a quasi 1,4 milioni. Ecco il chipcount completo:

  1. Andrew Pantling (photo Neil Stoddart, PokerStars)Andrew Pantling    2,248,000 
  2. John Juanda  1,395,000
  3. Johnny Lodden  1,352,000
  4. Daniel Negreanu  1,257,000 
  5. Freddy Deeb   1,207,000
  6. Victor Ramdin    1,090,000 
  7. Noah Schwartz    1,087,000 
  8. Jason Mercier   1,008,000
  9. Goran Mandic     995,000
  10. Steve O’Dwyer  942,000
  11. Grant Levy     712,000
  12. Andrew Lichtenberger     699,000
  13. Clyde Tjauw Foe     647,000
  14. Mateusz Moolhuizen  596,000
  15. Vasili Firsau   358,000
  16. Jake Cody   266,000

Scorrendo i grandissimi nomi ancora in corsa (Negreanu, Mercier, Juanda, Lodden, Lichtenberger, Deeb, Cody, O’Dwyer, Schwartz) risulta ancora più amaro non poter più vedere Dario Sammartino a lottare per il final table. Il napoletano ha dimostrato a più riprese di poter abitare questi altissimi piani del poker internazionale senza vertigini nè alcun timore reverenziale. Servirebbe solo qualche sliding door che non si chiuda nel momento più sbagliato…