Gioco legale e responsabile

Live

Si scrive Fedor Holz, si legge ‘god run’: nuts vs second nuts, McKeehen pietrificato

Il 2016 di Fedor Holz è stato qualcosa di spettacolare, tra tornei dominati e milioni di dollari vinti come se non ci fosse un domani. Certo, per avere questi risultati un po’ di sana run ci vuole… chiedere per conferma al malcapitato Joe McKeehen!

Scritto da
27/12/2016 12:00

3.785


Tra i giocatori più vincenti del 2016, per quanto riguarda i tornei di poker live, c’è sicuramente Fedor Holz. Il tedesco ha fatto il diavolo a quattro soprattutto negli High Roller e in particolare tra la primavera e l’estate.

Nel giro di qualche mese, Holz ha vinto un Super High Roller ($637.000), un High Roller dell’Aria di Las Vegas ($393.000), il Super High Roller dell’EPT Barcellona (€1.300.000) e soprattutto l’High Roller for One Drop ($4.981.000 e spiccioli).

Dando per assodate le indubbie skill di un giocatore così giovane e già così vincente, rimane comunque difficilissimo raggiungere risultati così prestigiosi senza l’aiuto della Dea Bendata. Perché mani come quella che vi raccontiamo oggi fanno davvero la differenza.

Fedor Holz

Fedor Holz pronto a cannibalizzare McKeehen

Flop da sogno per Fedor Holz…

Siamo proprio al tavolo finale dell’High Roller for One Drop, torneo da $111.111 che si è giocato durante le WSOP 2016. Siamo ancora ben lontani dalla conclusione dell’evento (è la mano numero 80), ma quello che stiamo per vedere è un piatto che sposterà gli equilibri.

Jack Salter apre con K 10 da UTG facendo solo limp. Da bottone, Fedor Holz spilla A 10 e opta per una linea passiva, appoggiandosi semplicemente. Questo naturalmente offre a Brian Green odds troppo favorevoli per foldare da small blind una mano come Q 6 . Da big blind, infine, Joe McKeehen è più che felice di guardarsi un flop gratis con K 6 .

Chissà cos’avrà pensato l’ex campione del mondo, quando il dealer ha girato 3 Q J

… ma action ancor di più!

Green e McKeehen fanno check, mentre Salter decide di puntare il suo progetto di scala bilaterale. Fedor Holz ha il nuts attuale e ben poco da temere, da questo flop. Ecco perché fa solo call, probabilmente sperando in qualche mossa azzardata di uno degli altri giocatori.

Brian ovviamente folda, mentre Joe investe comprensibilmente i suoi ultimi 15 big blind con il second nuts: d’altro canto, lo batterebbe solo un asso di cuori accompagnato da un’altra carta dello stesso seme.

Salter naturalmente molla il colpo, mentre Fedor Holz fa snap-call. Come se il quadro non fosse già devastante di suo, Joe McKeehen si ritrova già drawing dead, dato che il tedesco ha quel 10 che spegne sul nascere le misere speranze di vittoria dell’americano – che a quel punto l’avrebbe fatta franca solo con una scala colore.

Fedor Holz vs Joe McKeehen e un flop da capogiro

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento