Gioco legale e responsabile

Live

L’epica battaglia tra Hellmuth e Matusow e quel poker di 6 che trasformò Mike in Tardelli

Scritto da
26/11/2019 18:57

4.300


La battaglia che vogliamo evocare oggi è quella del 2013 al National Heads Up Poker Championship, alla fine della quale arrivarono Hellmuth e Matusow e nel video che vi proponiamo in questo pezzo, ne vedrete una ricca sintesi.

La madre di tutte le battaglie quella tra Hellmuth e Matusow

Ci sono battaglie e battaglie in tutti gli sport, in tutti i giochi che si rispettino. 

Memorabili sono le sfide tra i campioni e in questa sede non ci permetteremo certo di rievocare quelle tra gli sportivi più famosi del mondo, ma siccome il nostro microcosmo è comunque popolato da vere e proprie leggende che hanno dato vita alle sfide più incredibili, quella tra Phil Hellmuth e Mike Matusow, amici/nemici fuori e dentro al tavolo verde, ha da sempre allietato le nostre insonni notti davanti ai computer. 

National Heads Up 2013

La battaglia che vogliamo prendere in considerazione oggi, è quella del 2013 al National Heads Up Poker Championship, alla fine della quale arrivarono i due istrionici personaggi e nel video che vi proponiamo in questo pezzo, ne vedrete una ricca sintesi. 

La mano che rivela la rivalità tra i due, comincia al minuto numero 4, quando, con una coppia di 6, “The mouth” apre da bottone per poi chiamare il rilancio di Hellmuth.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Il set del peccato che si trasforma in poker

Il flop regala il set a Matusow, ma è proprio Hellmuth a condurre la mano dall’inizio alla fine, originando i facili call del suo rivale, il quale al turn trova addirittura poker. 

Il river è un tutto sommato ininfluente Kappa che non salva Hellmuth dall’infelice shove finale che regala il double up a Matusow, il quale esplode in un’esultanza senza sosta. 

Non vi sveliamo l’esito finale dello scontro, ma vale la pena seguirlo dall’inizio alla fine. 

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento