Gioco legale e responsabile

Live

High Stakes Poker: quel 23% che salvò 2 volte su 3 Jamie Gold dal nuts di Antonius

Jamie Gold non è mai stato un giocatore sfortunato. Lo ha dimostrato nel main event WSOP 2006, quando si laureò campione del mondo e lo ha ribadito qualche anno dopo in una mano scoppiettante vs Patrik Antonius. Jamie in quella mano troverà ben due river favorevoli sui tre giocati, per ribaltare una situazione al quanto intricata dopo il turn. 

Scritto da
12/05/2020 16:03

1.739


Jamie va in 3bet

La macchina del tempo ci riporta indietro di 12 anni e in una puntata dello storico format TV “High Stakes Poker“, ecco una sessione scoppiettante. Tanti big e tanti mostri sacri del poker, con il buon Jamie Gold in versione mina vagante in questo tavolo. Si giocano blinds fissi $500-$1.000 per un cash game high stakes davvero emozionante e le danze sono aperte in Early Position da Patrik Antonius a 4.000$ con a j e da cutoff Jamie Gold spilla k k .

Jamie Gold

Jamie Gold

Il campione del mondo 2006 ci pensa qualche secondo e poi annuncia la 3bet a 14.000 dollari, trovando il call dello scandinavo. Con 30.800 bigliettoni nel piatto, i due players si presentano in heads up al flop. Le tre carte comuni recitano q 10 3 . Incastro di scala per il finlandese, il quale opta per il check e lascia la parola a Jamie. Quest’ultimo con la sua coppia di Re runna all’80% e decide di uscire a 15.000 pezzi. Istant call di Patrik.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Un turn devastante

Patrik Antonius e Jamie Gold all’High Stakes Poker sono impegnati in una mano che sta per decollare. Nel pot ci sono 60.800 dollari e il dealer gira il turn. In quarta strada scende la più clamorosa delle carte, vale a dire k . Lo scandinavo completa la sua scala e passa al comando con il 77% di possibilità di vincere la mano, mentre il campione del main event WSOP 2006, pur chiudendo il suo top set, crolla al 23%.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.
patrik-antonius

Patrik Antonius (photo courtesy of PokerNews)

Patrik conta un mucchietto di chips e poi esce in bettata a 45.000$. La mossa innervosisce Gold che inizia a scuotere la testa. Poi all’improvviso annuncia il raise e lo fa in maniera al quanto insolita. Prima mette sul piatto i 45 mila bigliettoni per pareggiare la puntata del rivale e poi conta il rimanente stack fino ad annunciare l’allin per 341.500$ totali. Antonius lo snappa per 296.500 dollari e Gold esclama “F..k!! Ho set di Re e tu hai A-J?

Triplo river con sorprese…

Si alza notevolmente la temperatura all’High Stakes Poker con Antonius e Gold in allin. Il pot totale recita 743.800 dollari e prima dello showdown, i due players cercano un accordo su quanti river girare. Jamie ne chiede tre, ma Patrik è più propenso per due. Alla fine, quest’ultimo accetta il triplo river e si va allo showdown. E la prima carta in quinta strada è subito dalla parte del campione del mondo 2006: q e Jamie Gold centra il full house.

Secondo river e ancora un colpo di scena. Questa volta il board è completato da 3 e altro full house per Gold che esulta a più non posso. Dei 743.800 dollari totali del piatto, ben 495.800$ sono già dalla sua parte. Resta da girare l’ultimo dei tre river e questa volta si materializza un 8 che permette ad Antonius di incassare un terzo del pot, vale a dire 247.900 dollari. Per sua fortuna Patrik ha deciso alla fine di girare 3 river, limitando in parte i danni. Ma Jamie Gold ha dimostrato ancora una volta di non essere sfortunato in questo gioco.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento