GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Live

IPO 23: Nicchetto e Fiore a caccia degli stranieri a Campione. Francesca Pacini vola, il fold con K-K di Colomba

A Campione d'Italia, il day 2 delle IPO 23 ha ridotto ad 80 players il field in gioco. Una netta scrematura del gruppone, con gli stranieri che dominano il podio virtuale del count. Se il ruolo di chipleader è affidato a Marek Tatar con 2.960.000 chips, per trovare il primo azzurro bisogna scendere al quarto posto con Mattia Nicchetto. Bene Francesca Pacini che viaggia a ridosso della top ten.

Scritto da
08/01/2017 09:58

2.588


Un lunghissimo day 2

La seconda giornata delle IPO 23 è durata oltre 10 ore di gioco. Si è passati da 556 players ad 80 promossi al day 3. Nel mezzo lo scoppio della bolla e ben 70 eliminazioni “In the Money“. In tutto sono 150 coloro che si sono assicurati una ricompensa in denaro. L’ultimo ad abbandonare la sala senza alcun premio è stato  Muhamed Tarey la cui scala è resa vana dal colore chiuso dal rivale.

ipo-23-sala-bis-campione

Oggi quindi, assisteremo ad un’ulteriore sfoltita del plotone, cercando di avvicinarsi per quanto possibile alla formazione del tavolo finale, con livelli da 75 minuti. La corsa al titolo invece, si giocherà domani e l’obiettivo per tutti restano i 200.000 euro in palio per il futuro campione.

Assalto straniero

Non è certo raro assistere alle IPO alle deep run dei giocatori stranieri. E anche ieri ne abbiamo avuto la conferma. Marek Tatar è stato come detto il migliore di tutti. Il player slovacco ha preso ben presto il largo, chiudendo a quota 2.960.000. Vantaggio siderale il suo, considerando che i rivali più vicini sono Sherif Kazami (1.982.000) e Thierry Lanquentin (1.901.000).

Il migliore della truppa azzurra è invece Mattia Nicchetto. Il giocatore veneto si porta in scia al tridente straniero e con 1.850.000 prova a non perdere terreno. Top ten anche per Fabio Rastelli, capace di imbustare 1.648.000 unità, Stefano Fiore (1.623.000) e Danilo Colomba (1.614.000). Quest’ultimo è protagonista di un fold con K-K, che in caso di call lo avrebbe spedito al comando con 4.400.000 chips. Ecco la mano ripresa direttamente dal blog di Gioconews.it .

“Livello 12.000/24.000 ante 2.000. Apre utg Colomba a 75.000, Tommaso Bonini da utg+2 3betta a 180.000 chips e da middle position gioca Thierry Lanquetin. Danilo non ci sta e sale a mezzo milione, ricevendo l’allin di Bonini per 1.500.000 e l’allin del francese per meno di un milione. Colomba ci pensa a lungo e poi passa K-K. Bonini si presenta con 10-10 e il transalpino con J-J. Il board Q-9-9-7-Q riduce a 900.000 lo stack del fiorentino, mentre il Lanquetin sale a 1.900.000 chips. Colomba in caso di call sarebbe volato a 4.400.000. Chissà se ci ha dormito su stanotte”.

Francesca Pacini No Fear

La miglior donna delle IPO 23 risulta senza ombra di dubbio Francesca Pacini. Per la bella e brava giocatrice romana, una prestazione di grandissimo spessore. Conclude il day 2 in undicesima piazza, accumulando 1.594.000 chips. Al day 3 ritroveremo poi i vari Salvatore Bonavena (1.072.000), Tommaso Bonini (905.000), Mario Perati (695.000), Vincenzo Scarpitti (402.000), Giovanni “GianninoKart” Salvatore (365.000) e Salvatore Cama (262.000).

Francesca Pacini

Start del day 3 delle IPO 23 a partire dalle ore 13.00. Di seguito la top ten ufficiale del count:

1 MAREK TATAR 2’960’000
2 KASAMI SHERIF 1’982’000
3 LANQUENTIN THIERRY 1’901’000
4 NICHETTO MATTIA 1’850’000
5 STABILE 1’700’000
6 CIRILLO FEDERICO 1’672’000
7 RASTELLI FABIO 1’648’000
8 RICCIO ANGELO 1’631’000
9 FIORE STEFANO 1’623’000
10 COLOMBA DANILO 1’614’000

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento