Gioco legale e responsabile

Live

Jason Koon e una storica doppietta alle Triton Series: lascia il segno anche in Corea

Jason Koon quando vede le Triton Series, è come un toro davanti al drappo rosso. Nell'isola di Jejù il player americano centra la seconda vittoria in carriera nella Kermesse e quasi un anno dopo il successo in Montenegro, lascia la sua firma anche in Corea Del Sud. Intasca una prima moneta da 2.840.945 dollari e si porta a oltre 26 milioni di bigliettoni vinti in carriera dal vivo. 

Scritto da
08/03/2019 12:50

1.015


Doppietta meritata

Jason Koon è uno dei giocatori più forti in questo momento a livello planetario. Lo raccontano le cronache e soprattutto lo spiegano i numeri. E quest’ultimi non mentono mai. Il player a stelle e strisce nelle Triton Series è uno dei più vincenti di sempre. Se il primo acuto è arrivato lo scorso anno in Montenegro, con il successo nello “Short Deck Only Ante” per 3.579.836$, a distanza di quasi 12 mesi cala la doppietta in Corea del Sud. Nel mezzo altri risultati che lo avevano avvicinato al secondo successo, ingrandendo il suo fantastico palmares. Infatti, fra la tappa di luglio e quella in corso, Jason Koon aveva raccolto un terzo, un quarto, un quinto e un sesto posto per altri 2.5 milioni incassati.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Insomma è quasi naturale che sia arrivato il secondo trionfo nella kermesse. Una vittoria pesante condita da altri 2.840.945 dollari che lanciano il player americano al nono posto dell’All Time Money List a quota 26.938.517 dollari vinti in carriera. Cifre da capogiro e per un giocatore che il prossimo 14 agosto spegnerà le 34 candeline. Un successo che acquista ancor maggior peso, considerando il field complesso e assai tecnico che Jason Koon ha dovuto superare per issarsi sul gradino più alto del podio.

80 rivali superati

Jason Koon sceglie il “$127.400  Short-Deck Ante-Only”. Si tratta in pratica dello stesso evento che aveva shippato in Montenegro e sempre con la variante dello Short Deck. In questo torneo sono stati in tutto 81 i paganti, di cui 37 unici e addirittura 44 frutto di re-entry. Nel montepremi complessivo ci finiscono $9.699.981 da spartire in 9 posizioni. L’evento assume i contorni della maratona e dopo un lunghissimo day 1, sono appena 4 i giocatori che imbustano. Nella seconda parte della prima giornata dunque, si arriva allo scoppio della bolla e via via raggiungono le casse i vari Devan Tang (9°), John Juanda (7°) e Richard Yong (6°). Jason Koon chiude al comando dei quattro players left sulla strada che porta al final day e il rivale più pericolo da superare è senza dubbio Paul Phua.

Partypoker Millions Jason Koon

Jason Koon

L’avvio non sembra essere dei migliori per l’americano che crolla nel count, poi grazie ad una mano assai fortunata torna in partita. Con a j finisce ai resti contro a k di Furkurt Rakhimov. Il board j 7 9 k 8 . Sorpassi e contro sorpassi in un board mozzafiato che consegna il colore runner-runner al futuro campione. Koon risale la china quindi e poco dopo con J-J elimina  Jun Wang a cui non basta Q-10. Sul gradino più basso del podio ci sale Furkurt Rakhimov, quando il suo J-10 è dominato da A-J di Paul Phua. Si arriva al duello finale e se Koon inizia al comando, seguiranno una serie di ribaltoni in testa al count fino alla mano che fa calare il sipario. Paul parte avanti con A-9, rispetto a K-Q di Jason, ma il board non ammette appelli: K-A-7-K-Q. Full house per Jason Koon e l’americano cala la spettacolare doppietta.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento