Gioco legale e responsabile

Live

L’epico “Mamma Mia” della Harman alle WSOP 2005 e il cooler di Farha [Video]

La nostra carrellata storica balza al 2005, quando i fuochi d'artificio cominciarono fin dalle prime, con gli epici cooler di Jennifer Harman e Sammy Farha

Scritto da
14/05/2021 12:00

2.075


Harman

Jennifer Harman (photo courtesy of Poker Go)

Il cooler storico di Jennifer Harman

Continuiamo la nostra carrellata con la storia delle World Series Of Poker attraverso le immagini. Oggi è il turno dell’anno 2005, quello che, se siete appassionati, ricorderete benissimo per le mani iniziali di Sammy Farha e, soprattutto, di Jennifer Harmann e il suo “Mamma Mia”.

Altra edizione monster

Dopo le storiche edizioni disputatesi al Binion’s, quella del 2005 si trasferì per la prima volta al Rio All-Suite Hotel & Casino di Las Vegas. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il prize pool di quel main event raggiunse una quota pari a $52.818.610 e fu suddiviso tra i primi 560 giocatori a premio. 

Tra gli italiani andarono a premio Robert Binelli ( 350° per $21.000) e Marcello Del Grosso (83° per $91.950).

Le mani del primo livello con Harman e Farha

Seppure quella edizione, disputatasi tra il 7 e il 15 luglio del 2005, fu vinta da uno dei giocatori più conosciuti del mondo, l’australiano Joe Hachem, i fuochi d’artificio esplosero fin dall’inizio, anche grazie alla mostruosa copertura televisiva del torneo che permise di riprendere anche le mani del primo livello. 

Tra queste quella pazzesca tra Jennifer Harman e Cory Zeidman, nella quale quest’ultimo trovò il suo 2% al river in uno deo cooler più conosciuti della storia del poker.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Altro cooler quasi imparabile quello che vide dalla parte giusta del tavolo Sammy Farha, impegnato nella primissima mano del torneo giocata da Oliver Hudson. 

Il solito pianto di Hellmuth

E ancora Phil Hellmuth e il Jack preso dal suo avversario al river che ribaltava la situazione a sfavore di “Poker Mouth”, costretto a battere in ritirata verso la sua compagna a inscenare il solito teatrino in cui tutto il mondo del poker sembrerebbe avercela con lui.

In questo caso da notare, per onore di cronaca, l’all in un po’ troppo spavaldo del suo avversario.

E ancora i colpi di Mike Matusow con Lazar. 

Tutte da vivere le 5 mani di quest’oggi.

Tag: