Gioco legale e responsabile

Live

[VIDEO] Il mega bluff di Gianluca Speranza nell’high roller da 25k, in piena bolla

Non solo Mustapha Kanit: nell'high roller da €25.000 di buy-in delle WSOPE si è messo in mostra anche Gianluca Speranza con questo super bluff. Avrà funzionato oppure no? Ecco l'action e l'esito di questa coraggiosa giocata

Scritto da
05/11/2018 19:30

2.671


L’high roller da €25.000 di buy-in delle World Series Of Poker Europe è stato un torneo molto emozionante, come testimoniano le tante mani interessanti che si possono osservare negli highlights creati dal canale YouTube “Black Cash Poker“. Abbiamo già riportato due spot con protagonista Mustapha Kanit: nel primo si è trovato contro il poker d’Assi di Igor Kurganov, mentre nel secondo ha herocallato una puntata al river con un semplice A-high.

Stavolta riportiamo un’altra mano degna di nota, sempre giocata da un italiano. Non si tratta di Mustacchione ma di Gianluca Speranza, attualmente uno dei pochissimi pro azzurri con le possibilità economiche, gli agganci con i giusti finanziatori e le competenze necessarie per “grindare” gli high roller live.

Nella mano che stiamo per raccontarvi, Speranza decide di giocarsi tutto con un bluff molto coraggioso. Il suo avversario è l’esperto pro  Timothy Adams e il piatto che si viene a creare è a tutti gli effetti un monster pot. Il nostro connazionale è riuscito a bluffare con successo oppure ha perso gran parte dello stack? Scopriamolo subito.

Gianluca Speranza

Gianluca Speranza vs Timothy Adams in piena bolla bolla nell’high roller da 25k

La mano inizia a 24 left con 20 posizioni pagate. Siamo quindi in piena bolla e c’è il rilancio di Adams a 350.000. L’inglese è sul cutoff e ha uno stack di 5 milioni di chips. Speranza è sul big blind e spilla 10 8 , una mano con un ottimo potenziale. Il suo stack è di 7.2 milioni di chips e sceglie di chiamare.

Il flop è 9 10 k . Tre carte comuni connesse e dello stesse seme: sono proprio queste le situazioni in cui un reg deve provare ad esercitare un eventuale edge, almeno stando a quanto sostiene Dominik Nitsche (QUI puoi leggere la sua analisi su questo aspetto). Speranza fa check e Adams sceglie di puntare con la sua top pair più il progetto di colore. Mette in mezzo 300.000 e Speranza chiama.

Il turn è un k e ora Adams ha un tris di Re. Speranza fa check e il pro inglese ci pensa a lungo prima di imitarlo. Visto a carte scoperte, il suo check è un chiaro tentativo di intrappolare il nostro connazionale e indurlo a bluffare al river.

Il river è un 7 . Adams ha ora il terzo colore più alto possibile, ma non solo: con il suo k blockera i fullhouse con K-10, K-9 e K-7 e con il j blockera un’eventuale scala colore con q j e 8 j .

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Il big bluff di Gianluca Speranza

Speranza si prende qualche secondo per decidere cosa fare. In mano ha il nulla, perché la sua coppia di 10 non ha grande valore su questo board. Sceglie quindi di fare check e Adams, come prevedibile, punta. Nello specifico, mette in mezzo una bet da 900.000 sul pot di 1.550.000.

Speranza fa un’espressione confusa e va in the tank. Sta pensando di herocallare? No, in realtà sta pensando di piazzare un clamoroso e inaspettato bluff. Alla fine lo a davvero: dichiara l’all-in per 3.8 milioni aggiuntivi (è questo lo stack effettivo di Adams, il più short dei due).

Ricapitolando, su un pot di 2.4 milioni Gianluca Speranza è andato all-in per 3.8 milioni di fronte alla bet di 900.000 di Adams. In bianco totale. Il suo è il tentativo di rappresentare un punto fortissimo come un fullhouse, una scala colore o un colore all’Asso. Con punti di forza media (un Re ma anche un colore) si limiterebbe al call vista l’entità del pot.

Adams si prende quasi tre minuti per pensarci ma alla fine decide di effettuare quello che è a tutti gli effetti un hero call: è battuto da tutti i fullhouse, da scale colore e dai colori superiori. Inoltre, l’inglese sta per giocarsi tutto il torneo perché ha lo stack più piccolo dei due.

Allo showdown, però, la sua chiamata risulta vincente perché Gianluca Speranza non ha nulla in mano. Il monster pot di 13 milioni di chips va quindi tutto dalla parte di Timothy Adams. Speranza rimane con poco più di due milioni di chips in piena bolla (24 left su 20 giocatori a premio) e alla fine riesce a sopravvivere e chiudere proprio in 20° posizione, incassando €38.365.

Il video della mano (inizia dal minuto 33:25):

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento