GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Live

Trionfo azzurro a Manchester: Italia ancora campione del mondo di poker amatoriale!

Scritto da
15/04/2017 10:27

2.080


Il Team Italy campione del mondo amatori: da sinistra Catello Di Martino, Luca Cannella, Dorina Ciocan e Gabriel Iemmito

Il Team Italy campione del mondo amatori: da sinistra Catello Di Martino, Luca Cannella, Dorina Ciocan e Gabriel Iemmito

L’hanno rifatto. Gli amatori portano ancora l’Italia del poker sul tetto del mondo: il team capitanato da Luca “Il Kanna” Cannella si è laureato per la seconda volta campione del mondo di poker amatoriale nelle finali appena terminate al Grosvenor di Manchester, in Inghilterra. Medaglia d’argento per il Belgio, bronzo ai gallesi.

Luca Cannella, Catello Di Martino, Gabriel Iemmito e Dorina Ciocan (che era prima riserva di Germano Cervetti): questi i magnifici quattro che hanno sbaragliato la concorrenza, al punto da rendere ininfluente l’esito del Main Event di ieri.

Il capitano Luca Cannella, noto sul forum di Assopoker e nell’ambiente come “il kanna”, è raggiante: “Siamo sempre stati in vetta. Eravamo già partiti forti nel primo turno di heads up, dove ne abbiamo vinti 3 su 4 ed eravamo secondi dietro la Germania. Poi abbiamo messo il turbo, centrando due vittorie nel primi giro di sit No Limit Hold’em e due secondi posti nei due sit di PLO8, chiudendo in testa il day 1.

Oggi (ieri, ndr) il day 2 dei sit è andato altrettanto bene con diversi piazzamenti, ma la spinta decisiva è arrivata dall’MTT: è quello che sposta più di tutti e noi abbiamo portato tre giocatori a punti e due (io e Catello di Martino) al tavolo finale.”

L’apoteosi del final day arriva anche grazie a Gabriel Iemmito, che conquista il secondo braccialetto di queste finali e il sesto in carriera, nei campionati del mondo di poker amatoriale. Iemmito (come la moglie Dory) è un dealer di stanza a Campione d’Italia, ma evidentemente se la cava anche dall’altra parte della barricata…

Complimenti dunque al team Italia e a tutti i ragazzi che ci hanno dato dentro come matti, con un crescendo esaltante: bronzo europeo nel 2012, argento mondiale nel 2013, oro mondiale nel 2015 e ora il bis!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento