Gioco legale e responsabile

Live

Tom Dwan, chi la fa l’aspetti: l’americano tra bluff riusciti e finiti male (Video)

Tom Dwan è stato come al solito uno dei protagonisti dell'ultima tappa delle Triton Series nell'Isola di Jejù in Corea del Sud. Il buon "durrrr" si è messo in evidenza nei vari tornei e sembra aver trovato anche la sua dimensione nello Short Deck. Sta di fatto che l'americano prima si è inventato un bellissimo bluff e poi sempre contro il solito avversario ha pagato dazio. 

Scritto da
22/03/2019 10:15

2.177


Warning: mysql_query(): Unable to save result set in /var/www/vhosts/assopoker.com/httpdocs/wp-includes/wp-db.php on line 1879

Chi di bluff ferisce….

Alle Triton Series in Corea ogni torneo ha richiamato field spaziali dal punto di vista tecnico. Tom Dwan non ha saltato un evento e soprattutto nello Short Deck ci ha dato dentro. Ovviamente il vizio del bluff non è certo passato di moda per il buon “Durrrr“. Due le mani che lo vedono protagonista e nella prima si conferma un cecchino d’eccezione. L’azione nel video prende forma dal turn: sono tre giocatori coinvolti nello spot e nel piatto ci sono già 114.000 pezzi. Il board recita j q 8 10 e parla per primo Tom Dwan con k q .

L’americano decide di muovere allin per 180.000. Fra i suoi due avversari c’è Ivan Leow, il quale con j 8 ha il punto migliore, ma dopo pochi secondi opta per il fold. Il semi-bluff di Tom va a segno, anche se la faccia di Leow lascia presagire una grande sete di vendetta dopo questa mano. E di li a poco il player asiatico potrà prendersela. Intanto con la mano vinta, Tom Dwan si porta sopra il muro delle 300 mila unità e nelle zona medio alta del count a 9 left.

Il video della prima mano

… di Bluff perisce

Tom Dwan dunque sembra in pieno controllo del tavolo alle Triton Series, ma le delusioni sono dietro l’angolo per l’americano. C’è un board molto pericoloso che comprende 10 q 9 6 . In questo spot Dwan ha dalla sua a 6 e Ivan Leow ha 9 8 . Bottom pair per il player a stelle e strisce e middle pair per il rivale che ancora un progetto di scala ad incastro. Entrambi optano per il check al turn e con 42.000 pezzi a comporre il pot. Cade un 8 al river.

Tom Dwan

Tom Dwan

Si completa ancora la doppia coppia per l’avversario di “durrrr“. Qui Ivan non ci pensa due volte ed esce a 15.000 unità. Tom Dwan ci pensa diversi secondi e poi opta per il rilancio a 40.000 pezzi. La parola torna ad Leow, il quale attende 10 secondi esatti e poi annuncia il call. Piatto che viene spinto dalla sua parte e il buon Tom Dawn  resta pietrificato davanti al call del suo rivale. Una mano non digerita bene dal funambolo a stelle e strisce. Il video della 2° mano

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento