Gioco legale e responsabile

Live

WPT Bellagio: Marchese e Peters in fuga nell’High Roller, quanti scoppi a Las Vegas

Il WPT Bellagio si prepara a calare il sipario con il tavolo finale del "$25.000 High Roller". Sono rimasti in sei a giocarsi la prima moneta da 432.000 dollari e dopo due giorni di puro spettacolo, troviamo al comando lo scatenato Tom Marchese e il solito David Peters. Ma non sono mancati i colpi di scena al Bellagio con board mozzafiato e scoppi incredibili. 

Scritto da
07/05/2018 11:30

1.054


44 paganti

Il WPT Bellagio si prepara a scrivere la parola fine su questa edizione del festival, ma non prima di aver incoronato il trionfatore nel “$25.000 High Roller“. Una sorta di piccolo assaggio, per quello che vivremo fra qualche settimana con l’inizio delle WSOP 2018. Nella mischia infatti si sono lanciati tra i più forti giocatori al mondo, totalizzando 44 paganti grazie alla late registration aperta fino al primo livello del day 2. Viene così raccolto un montepremi di un milione di dollari da spartire in 8 posizioni “In the Money“. Si va dalla ricompensa minima di 54.000$ fino alla prima moneta da 432.000 dollari.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Nel day 1 ci sono stati 39 ingressi e in 14 hanno staccato il pass per la seconda giornata. Al comando c’era già Tom Marchese su un field pazzesco. Alle spalle del leader scalpitavano pezzi da novanta come Nick Schulman, Jason Koon, Maria Ho, Byron Kaverman, Jake Schindler e David Peters solo per citarne alcuni. Nel day 2 altri sei players hanno sfruttato la late portando appunto il totale dei paganti a quota 44. Ma non è cambiata la musica, almeno per quello che riguarda Tom Marchese. Infatti ha proseguito il suo volo al comando del count, aumentando il gap con i rivali. Alla fine mette assieme 2.359.000 gettoni.

Un day 2 spettacolare

Al WPT Bellagio High Roller, l’obiettivo per tutti è quello di portarsi in zona premi. La discesa verso lo scoppio della bolla regala mani davvero emozionanti. Come quella che concede il raddoppio a Rainer Kempe con A-J vs A-A di Jake Schindler. Il Board J-9-3-J-9 rimette in gioco il tedesco. Lo stesso Marchese decolla nel count grazie ad A-K vs J-J di Byron Kaverman. Un King grande come una casa cade al river, assegnando il monster pot al fuggitivo, mentre Kaverman è l’uomo bolla del torneo al nono posto. Raggiunti i premi c’è tempo per assistere ad altre due eliminazioni. All’ottavo posto molla la presa Ankush Mandavia il cui Q-10 non supera A-8 di Kempe.

Tom Marchese

Manca il tavolo finale anche Anthony Zinno che parte avanti con J-J vs 9-9 di Aaron Ogus, prima che un 9 si materializzi al flop. Detto della leadership incontrastata di Tom Marchese, l’unico che al momento sembra in grado di impensierirlo è David Peters. Quest’ultimo mette dentro la busta 1.575.000 gettoni. Alle loro spalle c’è il vuoto totale in termini di chips. Infatti sul gradino più basso del podio virtuale ci sale Aaron Ogus con 857.000 unità. Sam Soverel si tiene a galla con 391.000, mentre annaspano sul fondo del count Rainer Kempe (175.000) e Jake Schindler (43.000): rispettivamente con 15 e 4 Big Blinds.

Il count….

  1. Tom Marchese 2.359.000
  2. David Peters 1.575.000
  3. Aaron Ogus 857.000
  4. Sam Soverel 391.000
  5. Rainer Kempe 175.000
  6. Jake Schindler 43.000

… E il payout

  1.  $432.000
  2. $283.500
  3.  $189.000
  4.  $135.000
  5.  $108.000
  6.  $81.000
  7.  Anthony Zinno  $67.500
  8. Ankush Mandavia  $54.000

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento