GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

WSOP 2018

Antonio Barbato alle WSOP. “ho avuto tutto sotto controllo durante il final table, peccato per il bracciale”

Il grinder azzurro commenta il suo final table alle World Series of Poker in questa intervista da Las Vegas 24 ore dopo il secondo posto alle spalle di Dimov.

Scritto da
12/06/2018 18:45

2.424


Il momento più intenso ed emozionate alle WSOP 2018 per noi italiani è stato senza dubbio il final table dell’event 17, NLHE $1.500 6-Max che ha visto tra i protagonisti Antonio Barbato che ci ha regalato un torneo da brividi in questi primi 10 giorni di action al Rio.

antonio-barbato

Antonio Barbato (photo courtesy of Danny Maxwell and PokerNews)

Purtroppo l’heads-up è risultato “compromesso” fin da subito per “Barcia” che partiva in svantaggio di 11 a 1 contro Dimov. Non c’è stata storia, la situazione era delineata, il bulgaro era in stato di grazia ed ha eliminato tutti al tavolo accumulando uno stack impressionante.

Antonio è stato bravo ad arrivare deep superando un field molto tosto e cercando di sfruttare la situazione al final table alla prima occasione giusta. Non ha avuto né lo stack, né le carte per rientrare paradossalmente in partita, in tutto il final table. Peccato, ma senza dubbio gli aspetti positivi sono maggiori dei rimpianti. Lo pensa allo stesso modo l’azzurro da Las Vegas che, il giorno dopo il final table, con la voce ancora stanca, ha trovato il tempo di scambiare con noi due battute.

Complimenti Antonio, hai ottenuto un risultato prestigioso. Quali sono le sensazioni dopo un final table di un torneo così difficile come un 6-max alle WSOP? Rammarico per la mancata vittoria oppure orgoglio e soddisfazione? Alla fine ti sei assicurato un premio da 233.992$.

Se analizzo l’andamento del final table, alla fine è andata bene così. Ero il più corto a 4 left e il chipleader in due mani mi ha fatto arrivare all’heads-up facendo fuori due miei avversari. Per come si era sviluppato il tavolo finale non penso che potessi chiedere di più.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

suite race pokerstars fino 27 maggio

Registrati a PokerStars.it e gioca subito a SuitRace!

Ma quando è iniziato all’heads-up non hai mai pensato al braccialetto?

Quando arrivi a quel punto ci pensi, è inevitabile, inoltre lo scalino nel payout era pesante (al primo andava 378.743$, c’era una differenza notevole di 145.000$ circa, ndr). Se devo fare un’analisi a 360 gradi, il bicchiere è comunque mezzo pieno.

Tra l’approccio alle .it e quello alle .com, quale delle due impostazioni pensi ti sia più utile alle WSOP?

Penso che tutti gli approcci servano, trovi il reg forte che gioca con i range com, il reg chiuso ed allora è più facile adattarsi e ragionare con range da .it, come puoi trovare al tavolo chi gioca a caso, essendo un field così vario e vasto.
Penso che in questo tipo di eventi sia importante adattarsi al tavolo e sia utile cercare di capire contro chi stai giocando.

Questo risultato ti dà senza dubbio uno slancio in più in queste WSOP: prossimo tornei e programmi a Las Vegas?

Non ho ancora fatto programmi, giocherò gli eventi WSOP che mi danno più stimoli ma non ho ancora pianificato nulla.

A un certo punto il tuo lo stack si era dimezzato per mancanza di mani forti e tentativi di entrare in diversi colpi a basso rischio, senza risultato. Tuttavia davi sempre la sensazione di avere tutto sotto controllo. Corretto?

Non ho mai visto grosse mani al tavolo finale, ho cercato di prendermi i giusti rischi in certi spot. Anche se sono stato sempre nella parte bassa del count, penso di avere avuto la situazione sempre sotto controllo, poi ovviamente era il final table più importante della mia vita, un pò di tensione e di timore, magari qualche spot l’ho missato, ma sono soddisfatto per la gestione.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento