Gioco legale e responsabile

Live

WSOPE 100k: Dominik Nitsche martella a 8 left, “Fish2013” compie il miracolo. 2.6 milioni al primo

Una giornata ricca di emozioni il Day 2 del Super High Roller delle WSOPE da €100.000 di buy-in. Domina Nitsche, impresa di Badziakouski

Scritto da
28/10/2018 10:30

3.108


Come avevamo ipotizzato nel report del Day 1, il montepremi che si era venuto a formare nella prima giornata del Super High Roller da €100.000 di buy-in era destinato a salire ulteriormente. C’era infatti la possibilità di iscriversi al torneo e/o effettuare re-entry illimitate fino al termine del secondo livello del Day 2.

In questo modo si è passati dalle 76 entries del Day 1 alle 95 entries definitive che sono state segnate alle chiusura della late registration. Il montepremi ha quindi toccato quota 9.025.000 euro, trasformando il Super High Roller delle WSOPE in uno dei tornei più ricchi del 2018.

Nella giornata di ieri si è assistito prima allo scoppio della bolla e poi alla composizione del final table 8-handed. Ricapitoliamo ciò che è successo nel Day 2 del WSOPE Super High Roller.

WSOPE Super High Roller 100k: la run incredibile di “Fish2013”

Il Super High Roller delle WSOPE di Rozvadov ripartiva con 33 players ma nel corso dei primi due livelli del Day 2 ci sono state diverse iscrizioni last minute. Alla chiusura della late registration, Mikita “Fish2013” Badziakouski era uno dei giocatori più short in gioco. Il top player bielorusso ha poi messo gli ultimi 6 big blinds in mezzo con 5-5 e quando è stato chiamato da due giocatori, ha capito che le sue possibilità di sopravvivenza erano molto basse. Quando poi è stato girato il flop 9 j k era quasi certo di essere eliminato. Intanto Kisacikoglu e Adams, i due giocatori che avevano chiamato il suo all-in, si stavano scontrando a suon di bet, altro fattore ben poco incoraggiante per “Fish2013”.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Mikita “Fish2013” Badziakouski

Sul turn 10, Kisacikoglu ha puntato 700.000 e Adams ha foldato. Per scherzare, Badziakouski ha detto al suo unico avversario: “Mostra il bluff!“. Lui, per tutta risposta, ha mostrato una coppia di 3 che rendeva quindi il bielorusso favorito per la vittoria del piatto!

Il river 7 ha effettivamente consegnato a Badziakouski un inaspettato triple-up con una coppia di 5 su un board con sole overcard. Il fenomeno del cash game online ha quindi posato lo zaino, si è nuovamente seduto e ha semplicemente detto: “È un miracolo“.

Si può davvero considerare un miracolo pokeristico considerando che Mikita è poi riuscito a sopravvivere anche allo scoppio della bolla e a qualificarsi al final table.

Lo scoppio della bolla e i 7 eliminati a premio

A 16 left, in piena bolla del torneo, il tedesco Tobias Ziegler si è giocato tutto con 2-2 ed è stato chiamato dal connazionale Christoph Vogelsang con A-9. Un 9 sul flop ha sancito lo scoppio della bolla. Successivamente ci sono stati 7 giocatori eliminati a premio. Il primo è stato Steffen Sontheimer, 15° per €146.907. Poi Richard Yong e Steve O’Dwyer hanno concluso il loro torneo incassando €161.587. In 12° e 11° posizione si sono arresi Vladimir Troyanovskiy e Orpen Kisacikoglu per un premio di €184.073 a testa.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

In piena bolla del final table è stato eliminato prima Christoph Vogelsang in 10° posizione e poi il chipleader del Day 1 Timothy Adams in 9° posizione. I due si sono consolati con un premio di €216.908 a testa.

L’anno scorso, a Rozvadov, andò a finire così…

WSOPE Super High Roller: Nitsche a caccia della doppietta

Il chipleader al final table è Dominik Nitsche, un giocatore che si accende quando gioca al King’s Casino: l’anno scorso vinse prima il Big One Drop da €111.111 per quasi 3.5 milioni di euro e poi un torneo da €10.000 di buy-in per €300.000 di primo premio. La sua chiplead è netta: ha imbustato 51 milioni di chips, esattamente 20 milioni in più del suo più diretto inseguitore.

Chi è il secondo nel chipcount? Mikita Badziakouski. Esatto, proprio quel giocatore che a metà Day 2 era all-in con 5-5 sul board 9-J-K-10 e due avversari di fronte. Da quel triple-up, il bielorusso ha continuato a vincere piatti su piatti fino a raggiungere il final table con 31.3 milioni di chips, valide per la seconda posizione.

Al tavolo finale sono presenti altri due tedeschi oltre a Nitsche: Jan-Eric Schwippert e Julian Thomas, rispettivamente in 3° e 5° posizione. Tra di loro l’unico giocatore di casa, il ceco Martin Kabrhel. Completano il final table David Peters, Michael Addamo, Adrian Mateos e Timothy Adams.

Il chipcount:

  1. Dominik Nitsche 53,125,000
  2. Mikita Badziakouski 32,200,000
  3. Martin Kabrhel 24,675,000
  4. Jan-Eric Schwippert 23,100,000
  5. Julian Thomas 19,925,000
  6. David Peters 15,275,000
  7. Michael Addamo 12,450,000
  8. Adrian Mateos 10,225,000

Il primo classificato incasserà un primo premio di €2.624.340. Questo il payout completo:

  1. €2,624,340
  2. €1,621,960
  3. €1,116,308
  4. €789,612
  5. €574,466
  6. €430,218
  7. €331,943
  8. €264,110