Gioco legale e responsabile

Chrome · Tornei

MTT: principi base, equity e inflection point (5° parte)

Scritto da
29/06/2011 07:17

7.474


Normalmente, per stabilire se una giocata sia a +cEV, bisogna far riferimento alle pot odds. Facciamo un esempio considerando le due mani KJ e KQ entrambe suited.

Siamo in un torneo con quattro player rimasti e ci sono 20.000 chips totali in gioco. Due avversari hanno rispettivamente 8.300 e 3.900 mentre noi possiamo contare su uno stack di 2.500 e con tEV di 15,96% (questa cifra viene fuori dall’ICM). Villain ha invece 5.300 chips (per un tEV pari al 27,36%) e decide di pushare: facciamo call o foldiamo?

Ipotizziamo che l’oppo vada all-in con qualsiasi due carte broadway. Sappiamo che KJs ha un’equity del 47,3% contro tale range e KQs del 50,82%. Dato che abbiamo pot odds di 2 a 1, il nostro punto di breakeven per il cEV è 33,33%. Se vinciamo il piatto la nostra tournament equity salirà al 26,29%. Calcolando il Bubble Factor come il rapporto fra ciò che perdiamo diviso quello che guadagniamo in termini di tEV, risulta che: 15,96 / 10,33 = 1,54; da cui otteniamo pot odds * bubble factor = 50,82%.

Pertanto, nonostante abbiamo a disposizione due mani con cui potremmo tranquillamente fare un call a +cEV, andremo incontro ad una giocata a -$EV a meno che la nostra starting hand non abbia il 50,82% di equity contro il range di Villain. Per cui, solo KQs è profittevole anche se le due mani considerate possono apparire simili in termini di forza.

Se dividete le pot odds per il Bubble Factor otterrete le tournament pot odds; nell’esempio precedente sarebbe quindi 2/1,54 = 1,3 che serve ad enfatizzare meglio la forza della mano richiesta.

Tutto ciò significa che il nostro vantaggio viene fuori dallo giocare in maniera aggressiva e dal forzare gli avversari a commettere errori quali il foldare troppo, il chiamare e poi passare, lo shovare light troppo spesso e così via. In qualunque modo essi rispondano a questa aggressività, lo faranno giocando in maniera subottimale poiché stiamo in pratica sabotando il loro piano di gioco e sappiamo in che modo ciò influenzerà il nostro tEV e quello dei partecipanti ancora dentro al torneo.

Probabilmente, vorranno essere loro quelli che rubano i bui per cercare  d’incrementare lentamente il proprio stack. Voi dovrete naturalmente selezionare le vostre vittime con molta cura, considerandone lo stile di gioco e, soprattutto, le loro chips a disposizione. (continua)

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento