Gioco legale e responsabile

Altra Strategia · Chrome

MTT: una mano tutta sbagliata!

Scritto da
20/08/2013 06:26

6.053


Ammettere i propri errori è indispensabile per migliorarsiQuando si gioca a poker, capita di sbagliare una mano dall’inizio alla fine, specie se non si ha molta esperienza: poco male, purché si riesca ad imparare dai propri errori.

Quella che vi proponiamo è stata giocata in un torneo da 11 dollari da “Montaniel”, che con 10 9 è sul piccolo buio con 28.959 fiches, con bui 300/600 ante 60.

Grazie ai suoi cinquanta big blinds è il chipleader del tavolo, e forse per questo – quando il cut-off apre a 1.320 – decide di 3-bettare a 4.144. Il suo avversario, che ha ancora 18.800 fiches alle spalle, chiama.

Il flop è k 7 8 , ed hero decide di check/pushare dopo che il suo avversario punta 2.400 fiches: viene però chiamato da AK e perde la mano, non trovando aiuto né al turn né al river. Ma non è questo il punto.

Secondo Tyson “tford219” Ford, infatti, hero ha commesso diversi errori, a cominciare dal preflop: “Non dovresti 3-bettare una mano simile fuori posizione, specie contro un avversario con quello stack che potrebbe 4-bettare all-in, o chiamare anche quando non dovrebbe”.

Inoltre, secondo Tyson la size della 3-bet è troppo alta: a suo avviso qualcosa attorno alle 3.400 fiches è preferibile, e in caso fosse stato in posizione avrebbe potuto 3-bettare ancora meno. Ma anche postflop “tford219” l’avrebbe giocata diversamente, puntando anziché check/pushando.

Scrive infatti: “Quando checki dai al tuo avversario la possibilità di fare altrettanto, e questo ti complica la vita più del necessario al turn. Inoltre, check/pushando rappresenti proprio un draw su quel board, e non mi aspetto tu riesca a far foldare né una coppia né una mano con equity decente”.

Un bel po’ di falle insomma, ma su cui se non altro hero – e magari non solo lui – può ora mettere una bella toppa.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento