Gioco legale e responsabile

Altra Strategia · Iron

Filippo Voconi: i leaks dei players italiani negli MTT

Scritto da
02/12/2013 15:01

5.281


Filippo Voconi, coach di PokerMagia, parla delle tendenze del poker online italiano: i leaks che nota con maggiore frequenza tra i grinder e gli errori che commettono i principianti. Leggiamo le osservazioni ed i consigli del noto player toscano.

filippo-voconi

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.
  • E’ cambiato il modo di giocare nei tornei per i players italiani? C’è un approccio diverso?

Il livello dei fish non è cambiato molto, vanno sempre rotti con top pair, con 100 bui in early stage. Il livello dei reg si è alzato di sicuro, ma non molto a mio avviso.

  • Perché?

Alcuni giocatori, per adattarsi ad un livello medio più alto, hanno iniziato a fare i ”duri”, impostando il gioco preflop, con 3bet e 4bet light, senza seguire un criterio giusto. Non è la strada giusta per me…

  • Da coach quail sono i leaks che noti quotidianamente tra i grinder italiani negli MTT?

Ce ne sarebbero tanti da dire onestamente, il piu grosso leak che ho riscontrato è che spesso vi è la tendenza a giocare uguale contro tutti i regular medi, invece ogni mano, ogni situazione, deve variare in base a chi abbiamo contro.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.
  • Quali sono le qualità che deve avere un buon coach?

Parto nel dire che essere un buon player, non è uguale ad essere un ottimo coach. Il requisito più importante è quello di avere un buon feeling con l’allievo: per questo è importante che il coach conquisti la sua massima fiducia, solo così potrà apprendere al 100%. Aver tanto materiale da analizzare è una cosa fondamentale, come saper utilizzare molto bene Hold’em Manager ed altri programmi (che preferisco non dire pubblicamente).

  • Chi ti ha insegnato di più nella tua carriera?

Ho imparato molto da due persone che mi hanno aiutato tanto, sia come player che come coach:  sono Tommaso Briotti all’inizio e dopo NeverscaredB.

  • Allievi che ti hanno dato soddisfazioni?

Vorrei dire che sono molto orgoglioso di aver nella mia lista di coachati, molte persone che sono riuscite a fare più di 150.000$ di profit, e spero che sia cosi anche per Preferiti 90, un ragazzo che stimo e con il quale ho un ottimo rapporto. Ha avuto una volonta di ferro e ci ha messo il massimo impegno, per arrivare dai low stakes agli high stake in soli undici mesi.

  • Con una liquidità limitata in Italia, quanto è importante giocare multi network per i nostri players?

Assolutamente si, consiglio a tutti di giocare multi room, per chi grinda low stake. Quindi grindate come macchine, ma state attenti a tener sempre il vostro A game.

  • Parliamo di strategia, la gestione dello stack in un MTT, in particolare da 15 a 30 bb?

Vorrei restare molto vago per ovvi motivi, però possi dire che una volta si pushava diretti con 15 big blinds, ora non è piu così, si puo andare oltre, mixare i range di shove raise/call, raise/fold. E lo stesso con 25 big blinds: una volta era considerato da pazzi 3bet/foldare o flattare, con certi tipi di mano. Ora le cose sono cambiate e spero che cambieranno ancora, perché è proprio questo cambiamento che rende questo gioco sempre nuovo e interessante.