Vai al contenuto

Ilari “Ziigmund” Sahamies ed il colore dei soldi

E’sicuramente uno degli High Stakes Pro che più fa parlare di sé anche al di fuori dei tavoli da gioco: così come molti altri, Ilari ‘Ziigmund’ Sahamies non ha mai fatto nulla per non diventare un personaggio. La sua abilità nel poker non è in discussione, se è vero che il finlandese le ha date e le ha prese, ha perso cifre imbarazzanti per poi rifarsi vincendo piatti clamorosi, come egli stesso raccontava solo poco tempo fa parlando delle sue esperienze al Bellagio.

Quello che lo contraddistingue tuttavia è una grande passione per le sfide, con una forte posta in palio a rendere il tutto più interessante. Che siano spunti folli o geniali, lo abbiamo visto reinventare uno stile a proposito di come farsi una tequila, sale e limone, giocarsi heads up di Omaha con ‘durrrr’ a limiti 3.000$/9.000$ o partecipare alla Finnish Fear Factor – un reality del suo paese – dove si sottopone alle prove più incredibili.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Tutto questo potrebbe spingerci a porci una domanda: un High Stakes Pro, ed in particolare uno come Ziigmund, è ancora in grado di distinguere il reale valore dei soldi, o è portato piuttosto a non rendersi conto delle cifre che in un modo o nell’altro entrano ed escono dalle sue tasche? Questa domanda gli è stata rivolta da una emittente finlandese che ha brevemente intervistato Ilari mentre prendeva parte ad un torneo di street hockey ad Helsinki, riservato ad alcune celebrità. La risposta non si è fatta attendere, ed è stata più decisa che mai: ‘E’vero, non ricordo qual è stato l’ acquisto più costoso che ho fatto con le mie vincite, ho comprato ogni genere di roba – concede – ma di certo conosco ancora il valore dei soldi, so quanto valgono mille dollari’.

Nessuna febbre da gambling, quindi, almeno stando a queste dichiarazioni, nonostante la giovane età ed una professione che in una certa misura porta senz’altro a vivere una vita che sfiora l’irreale. Ziigmund è appena rientrato a casa dopo cinque settimane di gioco a Las Vegas ma, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, non vorrebbe mai trasferirsi a Sin City: ‘No, non vivrei mai laggiù, in quel posto tutto è semplicemente troppo’. E detto da uno come lui, c’è senz’altro da credergli.