Vai al contenuto

Poker TV: ESPN rinnova il contratto con le WSOP

Bocche cucite ancora, ma l’ufficialità è attesa ad ore. La ESPN ha infatti rinnovato il contratto che la legava con le WSOP per la trasmissione televisiva degli eventi e che era in scadenza dal 2010. Secondo indiscrezioni che appaiono fondate, la durata del nuovo accordo pare essere di sette anni.

La conferma della ESPN non era affatto scontata, dal momento che gli ascolti per i programmi che riguardano il poker stanno subendo un periodo di stagnazione, come confermano le altre notizie relative al settore. Le stesse World Series Of Poker, che pure nel 2008 avevano registrato una crescita rispetto all’anno precedente del 15% in termini di spettatori, in quelle trasmesse finora relative al 2009 è stato registrato un calo di ascolti pari all’8%.

Tuttavia, bisogna sottolineare come da un punto di vista mediatico il vero jolly sia stata l’idea di posticipare il tavolo finale del Main Event a novembre, e non è un caso che anche quest’anno si sia proseguito nel solco di questa formula innovativa. Questa scelta crea infatti un’attesa crescente nel pubblico e permette di evitare una sorta di effetto saturazione che invece gli spettatori potrebbero mostrare dopo aver seguito tutti gli eventi precedenti. E gli ascolti dimostrano questa tendenza.

Peter EastgateIl Final Table dello scorso anno – quello che ha visto primeggiare il pro di PokerStars Peter Eastgate (nella foto) – è stato infatti seguito da molti più spettatori rispetto a quello del 2007, ben il 46% in più. Ecco che allora la ESPN non si è fatta scoraggiare da una generale tendenza che mostra una leggera flessione, iniziando a trasmettere negli Stati Uniti le prime puntate relative alle WSOP del 2009, e proprio in questi giorni andranno in onda le prime delle 24 puntate dedicate al Main Event.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Anche quest’anno il tavolo finale registrerà un’impennata di ascolti, per la gioia della ESPN? Vista la presenza di Phil Ivey e la crescita costante del Texas Hold’em un po’ ovunque, ci meraviglieremmo davvero del contrario.