Gioco legale e responsabile

Online

Daenarys T: “Quando vinsi il Million piansi. Il titolo SCOOP? Gioia pura”

Parla Daenerys T, misterioso giocatore olandese capace l’anno scorso di vincere $1 milione al Sunday Million e quest’anno uno SCOOP. Nel giro di 12 mesi, la vita del grinder è cambiata: prima del Million, al massimo aveva vinto $19.000.

Scritto da
17/05/2019 11:15

1.568


Oggi parliamo di Daenarys T, ma se siete fan di Game of Thrones non vi preoccupate: il soggetto in questione non è Daenerys della Casa Targaryen, “Nata dalla tempesta”, la Prima del Suo Nome, Regina degli Andali, dei Rhoynar e dei Primi Uomini, Signora dei Sette Regni, Protettrice del Reame, Principessa di Roccia del Drago, Khaleesi del Grande Mare d’Erba, “la Non-bruciata”, “Madre dei Draghi”, Regina di Meereen, “Distruttrice di catene”.

Perciò niente spoiler sulla serie tv, né lamentele sull’ottava stagione, nonostante vadano molto di moda. Più semplicemente, il blog di PokerStars è tornato a intervistare il misterioso player olandese, la cui vita ha subito una vera e propria rivoluzione.

Daenarys T, infatti, nel 2018 è passato dall’essere uno dei tanti a conquistare il Take 2 Sunday Million, incassando una prima moneta da un milione di dollari. Anche il 2019 gli sta regalando delle belle soddisfazioni, come dimostra la sua recente vittoria nell’evento 10 dello SCOOP di PokerStars.com.

 

Daenarys T

Daenarys T quando gli polverizzano gli assi con 7-2

 

Daenarys T, Nato dal… Sunday Million

Era l’ultima settimana dell’aprile 2018 quando Daenarys T chiuse l’heads-up del Sunday Million dell’anniversario, inchiodando ‘ThEcLaiMEer’ al 2° posto. Un’impresa del genere di solito si condivide con amici e parenti in tempo zero, ma…

“Fu molto divertente”, racconta l’olandese, che addirittura ci mise una settimana prima di svelare la sua vittoria ai genitori. “Perché mamma e papà lessero sui giornali che qualcuno in Olanda aveva vinto un milione. Ovviamente furono contentissimi. Prima non credevano molto nel poker, pensavano fosse semplicemente un gioco d’azzardo”.

Una vittoria del genere cambia la vita e le prospettive: “La prima cosa che feci, oltre a una vacanza ad Ibiza con la mia ragazza, fu passare dallo Zoom $200 allo Zoom $500. Esitai un po’, perché ammetto di non essere mai stato molto bravo nella gestione del bankroll (perché non ha mai letto i nostri consigli! Ndr). Ultimamente gioco molto live, ma il mio sogno è giocare i Super High Roller”.

A parte il poker, dicevamo, vincere un milione di dollari ti modifica l’esistenza tutta: “Per un po’ la mia vita ne è rimasta scombussolata. Era un sogno che avevo sempre avuto, riuscire a renderlo realtà fu un’esperienza incredibile. Per un po’ mi sono dato al divertimento, ma sono tornato presto a giocare. Oggi la mia vita è normale: cerco di vivere in maniera sana, grindo molto e passo il resto del tempo con la mia ragazza.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Il Distruttore di SCOOP

Mandando avanti il nastro di 12 mesi, Daenarys T ha aggiunto anche un titolo SCOOP al suo curriculum, vincendo il primo evento Win the Button della serie: “In realtà non gioco mai questo formato, ma mi sono divertito. Penso che sia una modalità che premia chi gioca aggressivamente, quindi adatta al mio stile”.

Con questa vittoria, Daenarys T si è intascato altri $89.000. Per uno che ne aveva già vinti 1 milione in una volta sola, quali sono le differenze a livello emotivo?

Quando vinsi il Million fui molto emotivo, piansi. Stavolta ovviamente ero molto felice, ma non è stato speciale allo stesso modo. Significa comunque molto per me, anche questo è un sogno che si avvera e si tratta del mio secondo miglior risultato in carriera”.

 Con un titolo SCOOP già in tasca, quail sono i prossimi obiettivi di Daenarys T? “Attualmente mi trovo nella Repubblica Dominicana con due amici, anche loro stanno giocando lo SCOOP. Ora sono in testa alla classifica degli eventi High, proverò a giocare tutti gli eventi e a vincerla”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento