Gioco legale e responsabile

Online

GTO Trainer, la mano della settimana: 3Bet al Final Table con step dei premi decisi e stack corti

Avete sentito parlare di GTO e il titolo vi ha incuriosito? Siete nel posto giusto. Non è facile impararlo, ma con un po' di olio di gomito, tutto si può fare

Scritto da
23/09/2020 19:00

1.407


GTO TRAINER

GTO TRAINER

 

Abbiamo provato in più di un’occasione a parlarvi della GTO, sia con articoli che si sono proposti lo scopo di avvicinarvi alla materia, come questo, o quelli un pochino più approfonditi, come questo.

Sul nostro portale potrete trovare tutta una serie di articoli che possono più o meno rendervi simpatica la disciplina, ma se la cosa vi piace davvero, da oggi proviamo a commentare qualche mano da giocare con il sistema “Game Theoretical Optimum“.

CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

GTO Trainer al Final Table

Oggi giocherai al tavolo finale di un torneo importante con gandissimi step tra un premio e l’altro e sei giocatori left. A causa della presenza di stack molto corti al tavolo, gli stack più importanti possono esercitare una pressione significativa sugli stack medi.

In questo spot, il giocatore da bottone rilancia a 2 Big Blind con uno stack da 30x e tu rilanci a 8 Big Blind con uno stack da 50x. Il tuo range sarà piuttosto polarizzato qui, composto da mani molto premium come JJ +, AKo, AQs + e semi-bluff preflop con blocker di carte alte come A4o e K3o.

Il range del tuo avversario sarà molto ristretto e sarà composto da pocket pair medie 55-99, mani broadway dello stesso seme (suited) come QT +, AJo, KQo e alcuni assi suited come A5-A9.

Poiché gli intervalli sono così ben definiti, sarai in grado di apportare aggiustamenti specifici postflop su determinate texture del board. Ad esempio, i flop con carte medie si connettono molto bene con il range del tuo avversario, quindi i bluff puri con una c-bet su quei flop, non saranno redditizi.

Stack-

L’altro fattore da considerare qui è lo stack-to-pot-ratio (SPR) estremamente ridotto. Con 17.5BB nel piatto e 22BB dietro, spesso c’è solo una street di puntata. Hai 2 dimensioni di c-bet tra cui scegliere, 25% del piatto o all-in. 

Generalmente puoi usare l’opzione del piatto del 25% quando scegli di c-bettare light, ma ci sono flop più bassi in cui alcune parti del tuo range vorranno usare lo shove  per massimizzare la tua EV.

Con buoni progetti come un draw di scala bilaterale o di colore, dovresti spesso giocare passivamente per evitare di farti spingere fuori dal colpo. I semi-bluff all-in con progetti dovrebbero essere generalmente evitati quando ci sono più stack corti a un tavolo finale con salti di pagamento significativi come in questo caso.

Inoltre, dovresti evitare di chiamare all-in senza mani con altissima equity. La pressione ICM di questo spot impone di foldare ad un all-in con mani marginali o poco più.

Di solito dovresti floatare solo con mani che hanno una forte interazione sul board, blockers effettivi e/o più di un modo per acquisire equity nelle strade successive. 

Potrete trovare la rubrica “WPT GTO Trainer”, su Pokernews.

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento