GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Online

Phil Ivey chiude la sua Ivey League: “Colpa dello stato attuale del poker online”

Ivey League, il sito di training lanciato da Phil Ivey a inizio 2014, dal 1 maggio smetterà di aggiornare i contenuti. I video rimarranno online, ma gli abbonamenti verranno rimborsati, sia quelli annuali sia quelli mensili.

Scritto da
14/04/2017 11:15

1.466


Sta per chiudersi l’avventura imprenditoriale di Phil Ivey nel mondo del poker training. A partire dal 1 maggio, infatti, Ivey League – il sito fondato da ‘No Home Jerome’ nel 2014 – non verrà più aggiornato.

Una storia cominciata ormai oltre quattro anni fa, quando Ivey decise di acquistare LeggoPoker; un’avventura forse mai decollata davvero, nonostante il pokerista americano avesse coinvolto parecchi nomi altisonanti del poker mondiale.

Ivey League

Phil Ivey pronto a chiudere la Ivey League

Rimborsi per tutti

La creatura di Phil Ivey, famosa per i suoi video di tecnica e strategia, non sparirà dal web: i contenuti caricati rimarranno disponibili almeno fino a quando Ivey League non avrà rimborsato tutti gli utenti che hanno sottoscritto l’abbonamento annuale.

Per quanto riguarda le sottoscrizioni mensili, queste potranno essere cancellate in qualsiasi momento, con rimborso immediato. Con buona pace di chi proprio in questo periodo aveva deciso di affidarsi ad Ivey League per migliorare il proprio gioco.

Ivey League al passo di addio

In questi tre anni, la Ivey League ha prodotto numerosi contenuti, riguardanti non soltanto il Texas Hold’em, ma anche varianti come il Pot Limit Omaha e i Mixed Game – sempre più apprezzati dalla community pokeristica internazionale.

Tutti i video sono stati curati da giocatori di livello mondiale e dal curriculum invidiabile. A parte lo stesso Phil Ivey, hanno collaborato ai contenuti della Ivey League anche player del calibro di Patrik Antonius, Mike Leah e Andrew Lichtenberger.

 

Supera il test che misura le tue capacità al tavolo di poker. Ottieni subito BANKROLL e COACHING

betsense

 

Colpa del… poker online

La motivazione ufficiale della cessata attività ce la spiega direttamente il sito della Ivey League, che cita una non meglio precisata “situazione attuale del poker online”. Difficile dare una spiegazione accurata, visto che il concetto non viene approfondito.

Più che per lo stato del mercato del poker online, probabilmente la Ivey League – nella persona del suo fondatore – si sarà resa conto che il rapporto tra costi di produzione e numero di abbonamenti comincia (o continua?) ad essere troppo sbilanciato verso il primo fattore.

Anche perché dal Black Friday in avanti, non è che il mercato del poker online sia cambiato poi così tanto…

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento