Gioco legale e responsabile

Online

Un disastroso super bluff allo ZOOM. Occhio all’equity per il call

Probabilmente lo SB doveva prendere un aereo, ma tutta la mano è costruita in modo super aggressivo fin dal pre flop. Un occhio all'equity per questo call

Scritto da
19/10/2020 19:27

977


Equity

Equity

Un ripassino veloce sull’equity

Con il termine “equity” nel poker ci riferiamo all’importo medio che un giocatore si aspetta di vincere nel medio e lungo periodo in cui si presenta una situazione che si verifica in un dato momento. 

Ad esempio, se hai una probabilità del 50% di vincere un piatto da $100, la tua “equity” è la metà di quel piatto, $50. 

In realtà, la maggior parte delle volte vincerai tutto o niente, ma così hai un’idea di cosa stiamo parlando.

La tua equity in una data situazione è quindi direttamente correlata alla tua reale, concreta, possibilità di vincere un piatto. 

E se non hai una reale possibilità di vincere un piatto, di conseguenza non puoi semplicemente aspirare ad ottenere un po’ di equity per te stesso, come illustra la mano seguente…

CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

Scoppia la battaglia preflop

In una partita 6Handed al 100NL ($ 0,50 / $ 1) di no-limit hold’em giocata online (nel formato “Zoom”), un regular con un ottimo stack ha aperto da UTG click-raisando $2, per poi essere tre-bettato a $4 da un giocatore che agisce due posti più avanti da un turbolento giocatore ricreativo. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il bottone ha cold-callato il reraise e un altro dito pruriginoso è saltato dentro nella mischia dallo small blind con un ulteriore raise a $ 17.

Per nulla scoraggiato da queste azioni, l’original raiser, quello che ha fatto $ 2 under the gun, è diventato serio e ha deciso di salire a $ 30.

Dopo un paio di fold, lo small blind ha deciso di chiamare – dopotutto, c’erano solo da aggiungere $ 13 in più per farlo, e c’era già un sacco di dead money nel piatto.

Due giocatori sono andati al flop, quindi, con gli stack effettivi rimanenti di $190 (con la copertura del giocatore UTG).

Un flop che dovrebbe ispirare cautela

Il flop è stato a j 10, un board rainbow, ma comunque estremamente pericoloso. 

Lo small blind ha fatto check, UTG ha puntato $ 33 e ha ricevuto il call dello small blind.

Questa chiamata indica una certa forza. Il tipo di mano più debole che ci aspetteremmo di vedere in possesso allo small blind ora è un asso debole che è diventato testardo preflop, o una mano di tipo {q -} {j -} (ancora più testardo preflop).

Soffermiamoci un po’ di più sui range coinvolti in questa mano.

Lo small blind, sicuramente, può avere hittato questo flop, con mani come {k -} {q-}, {j -} {j-} e {10 -} {10-} tutte potenzialmente presenti nel range del giocatore. 

Nel frattempo, il giocatore UTG potrebbe avere meno probabilità di essere entusiasta del flop. 

Mani come {a -} {k-} potrebbero sentirsi piuttosto insicure , mentre {k -} {k-} e {q -} {q-} considerano quel flop una cattiva notizia.

equity

Tutto aperto

Detto questo, anche il range del giocatore da UTG non è per nulla cappato. Anche se il resqueezing con {10 -} {10-} o {j -} {j-} sembra improbabile (è un aumento di valore, un bluff?), UTG può ovviamente avere {a -} {a-}. 

E anche i bluff deboli preflop come {a -} {j-} e {k -} {q-} rientrano in una certa misura nel range di UTG.

Quindi l’ordine del range di UTG, dall’alto verso il basso, è cambiato ora che sono apparse le prime tre carte comuni, ma contiene ancora le mani più forti.

Tutto questo per dimostrare che dopo quella sequenza di puntate preflop e l’arrivo di questo flop, entrambi i giocatori dovrebbero procedere con cautela. 

Se UTG investe molti soldi ora, è improbabile che abbia {a -} {k-}, {q -} {q-}, {k -} {k-}. Questo è particolarmente vero proprio perché il piccolo buio può avere mani che si avvicinano al nuts.

Questo significa che nessuno dei due giocatori può bluffare l’altro? Non esattamente. Ma significa che ciò comporta un costo e un rischio elevato, forse superiore al normale, come stiamo per vedere.

Svolta sorprendente e la famosa Zero Equity

Potrebbe essere ovvio dire che non è così utile andare all in dopo una sola strada. 

Tenendo a mente tutto questo, al turn è sceso un 7 , aggiungendo un progetto di colore con il jack dello stesso seme, fiori. Lo small blind – che ha fatto check-call al flop fuori posizione, ha fatto di nuovo check.

L’UTG ha colto l’occasione per fare una forte puntata di $ 66, ricevendo per tutta risposta lo shove dello small blind per $ 157 in totale – una mossa molto forte, vista la discussione sopra. Lo SB sta davvero rappresentando  mani come {k -} {q-} o {j -} {j-} qui.

L’unico problema è che l’all in è arrivato con 5 4 ! Il che significa che lo small blind non aveva alcun out quando il giocatore UTG ha deciso di callare questo shove con a a . 

Peggio ancora: se il giocatore under-the-gun avesse deciso di chiamare con qualsiasi punto “sensato”, lo small blind sarebbe stato comunque drawing dead.

Forse aveva un aereo da prendere…

Ode all’irrazionalmente esuberante

Considera quanto sarebbe meglio questa action con mani ad ampio raggio (o funky o junky, qualunque nome tu preferisca) come k 8 o 10 9 , o anche 5 4 .

In quei casi c’è, matematicamente, almeno una possibilità di vincere il pot nel 10 percento, spesso di più, dei casi (cioè, la vera “equity”). 

Ed esattamente è questa la frequenza, qualunque sia la percentuale, in seguito alla quale lo small blind ottiene l’intero piatto al river. Avere zero equity in shove con una carta a scendere, è davvero una scelta che non consigliamo.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento