Gioco legale e responsabile

Online

SCOOP, 13 anni di storia: tutti i record, da Calvin Aderson a Gianluca Speranza

Domenica 4 aprile anche sulla piattaforma internazionale di Pokerstars decolla la nuova edizione SCOOP. Sarà la 13° nella sua storia e cercheremo di fare il punto su tutti i numeri, dati e record che riguardano questa kermesse. Una kermesse che parla anche italiano, grazie ai trionfi nel main event di Mustapha Kanit e Gianluca Speranza, unico ad averlo vinto due volte e consecutivamente. 

Scritto da
02/04/2021 20:00

997


Lo SCOOP 2021 è ai nastri di partenza e sarà l’ennesimo spettacolo sulla piattaforma internazionale di Pokerstars. Ricordiamo che i giocatori italiani potranno giocare solo in caso di residenza all’estero, mentre per tutti gli altri ricordiamo che la kermesse è in corso su Pokerstars.it. Fatta questa doverosa premessa, c’è grande attesa per la 13° edizione che ha consacrato tantissimi campioni.

La prima edizione è stata giocata nel 2009 e da quel momento per lo SCOOP è stato un’escalation di risultati. Basti pensare che nell’anno del debutto furono giocati 66 tornei dei 22 eventi schedulati, mentre 12 mesi fa nell’edizione dei record sono stati giocati 372 tornei su 124 eventi. Un’espansione che ha preso corpo anno dopo anno e per l’edizione 2021, sono previsti 102 eventi e un totale di 306 tornei, dal 4 al 28 aprile. Un numero inferiore a quello del 2020, ma che promette di battere nuovi record nella storia dello SCOOP. Vediamo quali.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

SCOOP: a caccia del miliardo

Lo SCOOP 2021 verrà ricordato per il raggiungimento di un primato duro da battere per altre kermesse online. Nelle 12 precedenti edizioni delle Spring Championship of Online Poker sono stati raccolti qualcosa come 999.353.882 dollari di montepremi, in 1.932 tornei giocati. Un numero pazzesco e che si appresta ad abbattere il muro del miliardo. Già nel corso della prima giornata, in programma domenica, dovrebbe essere raggiunto questo dato, considerando che sono schedulati 18 MTT per un montepremi complessivo di 7.3 milioni di dollari garantiti.

Pics by Pokernews.com

 

E se crescerà sia il numero dei tornei, come quello dei prize pool, lo stesso vale per il dato dei giocatori. In 12 edizioni hanno partecipato 9.280.540 players in totale e quota 10 milioni può essere tranquillamente raggiunta. Il record di partecipanti è dell’edizione 2020, complice la pandemia che ha tenuto a casa tutti quanti. Un anno fa sono stati 2.787.301 i giocatori che si sono gettati nella mischia. Un dato clamoroso, soprattutto se lo confrontiamo con la prima edizione del 2009, quando furono complessivamente 199.958 i paganti.

Per quanto concerne i premi riservati ai campioni, sono stati distribuiti in 12 anni 151.768.253 di dollari. Nel 2020 i campioni hanno incassato complessivamente 25.246.387 bigliettoni, vale a dire quasi il doppio di tutte le altre edizioni. Basti pensare che nel 2019 i primi classificati hanno vinto in tutta la kermesse 15.618.444 di dollari,  a fronte di 7.124.302$ assegnati nel 2009 ai primi storici campioni. L’obiettivo del 2021 è quello di superare i 170 milioni di dollari.

SCOOP: Calvin “cal42688” Anderson record man di titoli

In 12 edizioni di SCOOP sono stati assegnati 1932 titoli e sono tanti i big che hanno iscritto il loro nome nell’albo d’oro della manifestazione. Fra questi però, c’è un nutrito gruppo di giocatori che non solo hanno vinto una volta, ma hanno portato a casa almeno due titoli. Sono ben 193 coloro che possono vantare almeno due successi, con Calvin “cal42688” Anderson assoluto primatista a quota 10. L’americano ha fatto letteralmente man bassa di vittorie nella storia dello SCOOP.

Calvin Anderson

Per il player a stelle e strisce, ma residente in Messico, si tratta di un’autentica fuga in questa speciale classifica. Il primo successo risale al 2010, mentre l’ultimo è del 2018. Praticamente è rimasto a mani vuote nelle ultime due edizioni, centrando la doppietta di titoli nel 2011 e nel 2018. Alle sue spalle sono a quota 6 titoli SCOOP, Shawn “buck21” Buchanan, Mike “SirWatts” Watson e Connor “blanconegro” Drinan. Quest’ultimo si è reso protagonista di un record speciale nella passata edizione.

Se prima del 2020 aveva conquistato una sola vittoria targata SCOOP, Drinan nel 2020 ha calato la manita di eventi. Nessun altro giocatore prima di lui aveva mai vinto così tanti tornei nella stessa edizione e diventa così un primato difficile da battere. Seguono poi tantissimi giocatori a quota 5 titoli, fra cui meritano una citazione Luke “lb6121” Schwartz e Benny “RunGodlike” Glaser .

SCOOP: Italiani all’assalto

Ripetiamo che sulla piattaforma internazionale di Pokerstars possono giocare solo i giocatori italiani che risiedono all’estero. Nonostante questo ostacolo non mancano le vittorie azzurre nello SCOOP. Dario Sammartino ha due successi, mentre sia Mustapha Kanit e sia Gianluca Speranza hanno shippato il main event delle kermesse, dal buyin di 10.300 dollari. Musta fa suo l’evento più atteso nel 2015, incassando 1,304,720 dollari, con il mitico nick “lasagnaaammm”. 

Gianluca “Tankanza” Speranza

L’abruzzese fa ancora meglio: vince il main nel 2018 per 1,133,160$ e si conferma campione anche 12 mesi dopo. Nel 2019 porta a casa una prima moneta da 1.028.203 dollari, dopo un deal, ma soprattutto diventa il primo giocatore a calare la doppietta di titoli main event, per di più consecutivamente. Il premio singolo più alto di sempre, però, è finito nelle mani del noto uomo d’affari Talal Shakerchi. Con il nick “Raidalot” l’inglese si è issato sul gradino più alto del main event 2016, per una prima moneta da 1.468.000 dollari, dopo aver respinto l’assalto di 823 rivali. Deposto Mustapha Kanit che vantava tale primato tra il 2015 e il 2016, appunto.