GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Scommesse

Trova una bolletta vincente dopo 43 anni, il bookmaker gliela paga lo stesso!

Bob Holmes ha ritrovato dopo 43 anni una bolletta vincente appartenuta al suo defunto suocero. La scommessa riguardava un Grand National vinto dal famosissimo Red Rum nell’ormai lontano 1974. Il bookmaker ha deciso di pagare aggiornando la vincita all’inflazione.

Scritto da
13/04/2017 11:00

2.081


Chissà come dev’essersi sentito Joe Robertson, quando nel 1974 ha scommesso una sterlina sulla vittoria del purosangue Red Rum – uno dei cavalli più famosi che il Regno Unito abbia mai visto correre – al Grand National.

Perché sì, una sterlina non è gran cosa, ma indovinare un cavallo vincente quotato a 11 è comunque un bel colpo. Peccato che l’uomo abbia finito con lo smarrire la bolletta, mai più ritrovata… fino a settimana scorsa!

bolletta

“Che ha fatto Red Rum?” (cit. ispirata)

“Stavo cercando tra i documenti, e…”

Il buon Robertson è passato a miglior vita nel 1979, cinque anni dopo quella bolletta. Suo genero Bob Holmes, però, qualche giorno fa stava cercando tra i documenti del suocero quando è incappato in quel piccolo cimelio per il quale il padre della moglie “aveva sicuramente ribaltato la casa per trovarlo”.

Un po’ per gioco, un po’ per rendere omaggio al compianto Joe, Holmes ha portato la bolletta in uno dei punti scommessa di William Hill. La compagnia, dopo aver fatto le dovute verifiche e ricerche, ha deciso di consegnare a Bob una vincita di 130 sterline, invece delle 12 originarie – cifra aggiornata all’inflazione odierna.

Graham Sharpe (William Hill) e la bolletta da record

Ovviamente la storia ha fatto subito il giro del Regno Unito, anche perché quella di Robertson e Holmes è la bolletta dei record: mai nessuno aveva aspettato così a lungo prima di reclamare un ticket vincente.

“Abbiamo appurato che il codice della bolletta si riferiva a un locale che oggi non è più un punto scommesse, ma in passato lo è stato. Ci sembrava un po’ volgare pagare solo le 12 sterline originarie”, ha dichiarato Graham Sharpe, portavoce di William Hill.

“Abbiamo anche donato altre 130 sterline alla Water Aid, l’ente di beneficenza scelto da Bob; a lui abbiamo attribuito anche 130 sterline per poter scommettere sul Grand National di quest’anno, per vedere se la sua famiglia ha mantenuto la fortuna anche a distanza di 43 anni”.

Cosa aspetti a registrarti su Lottomatica? In ESCLUSIVA per tutti i lettori di Assopoker, pronto un bonus di 30 euro! Contatta la nostra chat e usa il codice Super30!

multiprodotto_300x250_ita

Da Red Rum a One For Arthur

Purtroppo per il signor Holmes, la fortuna del suocero non si è trasferita al genero. L’uomo infatti ha deciso di puntare sui cavalli sbagliati, visto che il Grand National è stato vinto da One For Arthur – che tra l’altro pagava a 12.

One For Arthur avrà pur vinto, ma difficilmente ripercorrerà la carriera del mitico Red Rum. Questo purosangue è infatti l’unico ad aver vinto tre Grand National in carriera. L’hattrick, completato nel 1977, è per i britannici uno dei momenti sportivi più importanti di sempre.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento