Gioco legale e responsabile

Scommesse

Scommesse: meglio le value bets o le dropping odds? La strategia (vincente) dei professionisti

Qual è il migliore approccio alle scommesse? Gli scommettitori si dividono in due filosofie: chi applica le value bets (quote per valore) e chi invece rincorre il mercato (dropping odds).

Scritto da
03/04/2020 12:30

2.002


Le value bets, le scommesse per valore (quando i bookmakers sbagliano le quote) e le dropping odds (un sistema che vi abbiamo spiegato in questo articolo) sono a mio avviso le due facce della stessa medaglia.

Sono due modi differenti di approcciarsi al betting, ogni appassionato (esperto o dilettante) ha il suo metodo. In molti di voi mi scrivono privatamente e mi chiedono, meglio uno o l’altro?

Come detto sono le due facce della stessa medaglia. Molti di voi mi chiederanno: “in che senso?” . Sono due concetti legati tra loro.

Ricordatevi questa frase che capirete (spero) al termine dell’articolo: gli scommettitori vincenti non seguono il mercato ma lo anticipano (ed in alcuni casi lo condizionano).

dropping-odds

Come funzionano i mercati delle scommesse

Facciamo un piccolo passo indietro: chi mi segue su Assopoker conosce i meccanismi del mercato, ve li ho spiegati in diverse occasioni, ma per chi si fosse perso le “puntate” precedenti, cercherò, in modo sintetico (ed un po’ superficiale, ma avete tanto materiale su Asso che lo spiega), di farvi comprendere come funzionano i mercati delle scommesse nel 2020 (Coronavirus a parte).

I bookmakers escono con le quote di apertura (in genere differiscono solo per pochi centesimi perché la gestione del rischio è solitamente esterna, da un unico fornitore e alcuni bookies escono per ultimi copiando la concorrenza) diversi giorni prima.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Una volta uscite le quote, il mercato interviene sui prezzi e modifica le sue linee.

Mi spiego meglio: in base al denaro raccolto dagli scommettitori, per una migliore gestione del rischio vengono cambiate le quote. Gli oddsmaker vogliono evitare di essere scoperti, avere un banco sbilanciato, devono evitare di rischiare troppo su un esito (nel quale c’è la maggiore concentrazione di denaro) e cercano di indirizzare il denaro su un segno opposto, modificando le quote in corsa.

E’ un meccanismo che già vi ho spiegato in modo dettagliato, inutile tornarci su. Oggi voglio focalizzarmi sul legame tra value bets (in genere sono quote sbagliate in apertura di mercati ma anche in altri momenti) e dropping odds.

 

Un esempio di value bet (scommessa per valore)

Facciamo un esempio, in modo tale da farvi capire il metodo (estremizzando nella sua semplicità) il metodo usato da chi conosce bene i mercati, i pochi pochi professionisti esistenti.

L’esempio estremo che vi propongo per farvi capire come funzionano le cose nel mondo del betting.

Tra 6 giorni si gioca Juventus-Milan e la quota sui bianconeri in apertura (siamo nella giornata ipotetica di lunedì) è di 1.60.

Per alcuni professionisti è una bella value bet, scommessa di valore (il banco paga molto di più rispetto al rischio dell’operazione), i bookmakers hanno sbagliato quota considerando che non ci sono notizie di infortuni gravi tra la squadra di casa.

Queste persone (poche in realtà in percentuale del field dei bettors) hanno una capacità di analisi unica, una skill affinata solo in molti anni di esperienza nei mercati. Nel betting non ci si improvvisa guru ed esperti in poche settimane.

Per comprendere bene il valore enorme che c’è in questa quota, riguardiamo i precedenti con le quote di alcuni bookmakers. Nell’ultimo match finito 1-0 (soffrendo per la Juve a Torino), la quota di chiusura era 1.40 su Bet365, 1.40 su Unibet e 1.43 su Eurobet).

Bonus Scommesse

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

In Supercoppa (nel gennaio 2019), i 3 bookmakers la davano favorita a 1.50 (si giocava in campo neutro e durante la pausa invernale).

A 1.60 cosa succede? Alcuni scommettitori professionisti ritengono che vi sia valore e scommettono inondando il mercato di liquidità sul segno 1. I quotisti si accorgono di essere già scoperti su quel segno (in realtà oramai è tutto automatizzato con dei software) ed iniziano ad abbassare la quota della Juventus ed ad alzare quella del Milan.

 

La dropping odd

Si arriva a venerdì e la quota è droppata a 1.45 ma non è finita perché gli scommettitori amatori inseriscono l’1 della Juventus nelle loro schedine. I bookmakers sono costretti ad abbassare ancora la quota a 1.40. Da quando il prezzo è sceso, siamo in presenza di una classica dropping odd. La quota ora è equa per il mercato (gli esperti valutavano le probabilità di vittoria della squadra di Sarri a circa il 71%).

La quota continua a scendere ed è logico che chi scommette in questa fase, commette un grosso errore perché la quota non ha alcun valore, anzi.

In questo caso il drop è significativo ed ha un unico senso: la discesa della quota non è dovuta a notizie riguardanti le squadre ma testimonia che analisti molto esperti hanno dato una valutazione ben precisa sui prezzi (a 1.60 c’era assoluto valore) e fidatevi, è giusto rispettare le loro analisi (parlo per esperienza). Senza dubbio la quota sul Milan si alzerà ma andare contro il mercato è molto pericoloso, a meno che non avete informazioni riservate che il mercato non dispone.

In genere le quote di chiusura vengono “acquistate” da appassionati dilettanti che inseriscono una quota senza valore nelle loro schedine. E’ un esempio estremo (e con un ragionamento superficiale, in realtà le dinamiche sono molto più complesse) ma il mio obiettivo era quello di farmi capire agli occhi dei meno esperti.

Il target è farvi capire come funzionano i mercati delle scommesse e quali siano i comportamenti corretti e sbagliati da seguire. Le quote sono dei prezzi che vanno valutati attentamente.

I professionisti non seguono il mercato ma lo anticipano e, in alcuni casi, lo condizionano.

Qualcuno di voi si domanderà: ma come si può gestire una dropping odd? Sappiamo che questo tipo di quote contengono delle informazioni preziose e quando una quota si schiaccia c’è sempre un motivo, (infortuni, notizie da dietro le quinte, valutazione degli esperti), una ragione che dobbiamo tenere presente.

Il sottoscritto applica una strategia particolare e gestisce queste informazioni durante i live (quando l’evento è in corso), ma questo è un altro capitolo che valuteremo insieme nelle prossime settimane. Alla prossima!

Leggi tutto sulle value bets – le scommesse per valore in questo articolo.

Leggi tutto sulle dropping odds – cosa sono e che indicazioni danno

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento