Gioco legale e responsabile

Scommesse

Cose da non fare: Tony Ward si è giocato l’eredità sulla vittoria del Liverpool in Premier

Tony Ward, tifoso del Manchester City, lo scorso ottobre ha scommesso l’intera eredità sulla vittoria del Liverpool in Premier League. Una mossa sconsiderata, che va al di là di ogni considerazione sulla gestione del bankroll: un esempio da non seguire assolutamente.

Scritto da
14/07/2020 12:00

21.122


Lo scorso ottobre, il cinquantatreenne Tony Ward, residente a Bradford, nel West Yorkshire, ha piazzato una scommessa da 55.000 sterline (circa 60,7 mila euro) sulla vittoria del Liverpool in Premier League.

L’uomo ha deciso di puntare l’intera eredità su una singola scommessa, quotata 4/6. Vero, alla fine ha vinto circa 91.000 sterline (intorno ai 100.000 euro), ma si è preso un rischio davvero grosso, senza tenere conto di una corretta gestione del bankroll.

Le parole di Tony Ward

Tony Ward è un tifoso del Manchester City che nel 2017 ha ricevuto in eredità dalla madre, Rose, una somma considerevole.

Qualche mese fa, dopo averci riflettuto a lungo, ha deciso di andare contro la sua squadra del cuore, piazzando quella enorme e sconsiderata bet sulla vittoria dei Reds, che non vincevano la Premier League da 30 anni.

“Mi sembrava che il Liverpool avesse le carte in regola per vincere il titolo”, ha dichiarato subito dopo aver incassato la vincita. “Per me era una corsa a due tra loro e il Manchester City, squadra per cui tifo sin da quando ero un ragazzino”.

Il rischio coronavirus

Quando Tony Ward ha puntato sulla vittoria del Liverpool in Premier League, i Reds erano in testa, ma non eravamo neppure a metà del girone d’andata. Puntare una cifra così grossa in antepost, quando mancano 8 mesi alla fine del campionato, è tutto fuorché consigliabile.

Bonus Scommesse

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Anche perché, come purtroppo abbiamo visto, a volte capitano fattori esterni incontrollabili che possono stravolgere il corso di una stagione. A marzo, in questo caso, il lockdown da Covid-19 ha messo a repentaglio il prosieguo della Premier League – e di gran parte dei campionati di calcio europei – tanto che ad un certo punto sembrava impossibile riprendere.

“Penso che sarei stato rimborsato, se la stagione fosse stata cancellata. Ma non sarebbe stato giusto”, ha commentato Ward. “Il Liverpool era ormai in netto vantaggio, gli bastavano sei punti. Dovevano giocare contro Manchester United e Tottenham, ho pensato che se ne fossero usciti indenni avrei vinto”.

Dopo aver corso un grosso rischio, Tony Ward ha dichiarato che non ha intenzione di effettuare altre puntate così corpose. Che abbia imparato la lezione?

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento