GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

ABC del Poker · Iron

Come giocare 99 – parte seconda

Scritto da
30/08/2010 07:32

9.959


Dopo l’approccio di base introdotto da Ed Miller nella prima parte di questo articolo, scopriamo invece cosa pensano della coppia di 9 il Pro di Full Tilt Poker Phil Gordon ed il vincitore di due braccialetti WSOP Dan Harrington.

Phil Gordon gioca a poker da professionista ormai dal 1997, ed in carriera ha finora collezionato un braccialetto WSOP, due titoli del World Poker Tour e vincite in tornei per quasi 2,5 milioni di dollari. E’ anche autore del Little Green Book, uno dei libri fondamentali sul No Limit Texas Hold’em.

Proprio in questo testo Gordon ci racconta di come ha giocato una coppia di 9 pre-flop in un torneo. Phil era in posizione su alcuni limper e con i pocket nines aveva deciso di chiamare soltanto invece di effettuare il suo classico raise. Grazie ad un set sul board aveva poi conquistato un piatto molto sostanzioso.

Gordon scrive che in quello spot avrebbe potuto vincere di meno con un rilancio pre-flop, mentre un limp era l’ideale punto di partenza per sperare di mettere a segno un bel colpo. “Quando limpate con 99 permettete ad altre mani speculative di vedere il flop, e saranno proprio queste che vi pagheranno adeguatamente se beccherete il set” spiega Phil.

“Considerate, ad esempio, un giocatore che limpa con 6-7 da middle position: cosa pensate che possa succedere su un flop 6-7-9? Credete che l’altro riuscirà a foldare la sua doppia coppia? Non esiste, ed infatti è proprio questo il genere di flop che volete che scenda sul board. Aprendo un piatto con un rilancio l’opponent avrebbe quasi sicuramente passato ed il set avrebbe fruttato poco.”

Dan Harrington ci parla invece della coppia di nove nella sua famosissima serie di libri “Harrington on Hold’em”. Dan scrive che fondamentalmente ci sono tre stili di base per giocare i tornei: l’approccio conservativo, quello aggressivo ed infine quello iper-aggressive. Ecco dunque come gestire 99 a seconda dell’atteggiamento scelto al tavolo:

L’approccio conservativo
Harrington consiglia di agire con molta cautela da early position. Un limp può andar bene, ma se l’azione al tavolo è molto vivace (ad esempio nei freeroll e nei tornei con buy-in basso) può starci anche un fold nel caso si voglia procedere in maniera super tight. Da middle e late position Dan raccomanda invece di essere più incisivi nell’azione rilanciando la coppia di 9. In questo modo si può prendere la lead nella mano e vincere il piatto o direttamente pre-flop oppure con una continuation bet su un board favorevole.

L’approccio aggressivo ed iper-aggressive
I pocket nines possono essere rilanciati da qualsiasi posizione. Bisogna però essere più skillati per utilizzare questo stile in maniera profittevole.

In conclusione, il modo di giocare una coppia di 9 dipende molto dalle vostre capacità post-flop. Nel caso siate piuttosto ferrati in materia, rilanciate e 3-bettate in posizione provando ad outplayare l’avversario anche quando missate il flop.  Se al contrario non avete ancora maturato una sufficiente preparazione tecnica nelle street successive al pre-flop, allora limitatevi al limp e date la caccia al set in piatti con più giocatori. E se poi un altro 9 non dovesse arrivare sul board (cosa che accadrà nella maggior parte dei casi), una linea check/fold diverrà la scelta più sicura da fare.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento