Gioco legale e responsabile

ABC del Poker · Strategie di Poker

Sei un giocatore amatoriale? Allora probabilmente stai commettendo questi errori!

Il tipico giocatore amatoriale di poker è solito commettere cinque errori molto gravi, che rischiano di indurlo a smettere prima ancor di aver imparato. Giocare troppe mani o a livelli troppo alti, non capire quando è il momento di fermarsi e lasciarsi prendere dalle emozioni sono tra gli errori più diffusi.

Scritto da
16/01/2019 17:01

6.679


Qualsiasi giocatore amatoriale di poker passa gioco-forza attraverso un periodo di ‘formazione’ ricco di ostacoli che, senza un’adeguata preparazione, rischiano di diventare insormontabili e di spegnerne i primi ovvi entusiasmi.

Ciascun giocatore amatoriale ha le proprie caratteristiche, i propri punti di forza e di debolezza (come qualsiasi poker pro del resto), ma se siete alle prime armi, è molto probabile che incappiate spesso e volentieri in uno o più di questi cinque errori comuni.

 

giocatore amatoriale

Se sei un giocatore amatoriale, ti conviene leggere fino in fondo!

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

1 – Fare il passo più lungo della gamba

Alzi la mano chi non ha mai sognato di sedersi al tavolo da poker per giocare contro Phil Ivey o Viktor ‘Isildur1’ Blom – e batterli, ovviamente. Il sogno di qualsiasi giocatore amatoriale è quello di bruciare le tappe, investendo pochi spiccioli per ritrovarsi in men che non si dica a dare battaglia ai tavoli high stakes.

La realtà è che molto spesso i giocatori alle prime armi si siedono a tavoli dagli stake troppo alti per le loro skill, che si tratti di tornei multitavolo o cash game. Sottovalutare la gestione del bankroll significa esporsi indifesi in primis alla varianza, ma anche e soprattutto alle capacità (migliori e più consolidate) di avversari che probabilmente sono già di (almeno) un livello più avanzato.

 

2 – Sovrastimare le proprie capacità

Strettamente collegato con il primo errore tipico del giocatore amatoriale. L’obiettivo nel poker è quello di vincere, non di dimostrare di essere più bravi degli altri. Per quanto si possa avere uno spirito competitivo, giocare contro avversari più forti è il modo più veloce per sacrificare il proprio bankroll sull’altare dell’ego.

3 – Giocare troppe mani

Se esiste un modo per distinguere un giocatore amatoriale da uno più esperto, è osservare quante mani all’ora gioca l’uno rispetto all’altro: la proporzione sarà incredibilmente sbilanciata nei confronti del primo. Giocare troppe mani è un errore basilare, ma umanamente comprensibile per chi si è appena approcciato al gioco del poker.

L’incapacità di valutare la forza delle starting hand, e di conseguenza la tendenza ad inseguire punti e progetti improbabili, magari perché “avevo due carte dello stesso seme!”, è un grande classico dei giocatori amatoriali.

4 – Insistere fino allo sfinimento

D’accordo l’entusiasmo delle prime partite, d’accordo la voglia di giocare e di imparare il più possibile per accelerare la curva dell’apprendimento, ma non capire quando è arrivato il momento di alzarsi dal tavolo è un errore che può costare davvero tanto.

Il giocatore amatoriale spesso continua a giocare quando sta perdendo perché spera di recuperare le perdite. Così facendo, però, non fa altro che aumentare le probabilità di perdere ancora di più, innescando un meccanismo di tristezza e frustrazione che spesso porta a bruciarsi il bankroll senza nemmeno rendersene conto.

5 – Il giocatore amatoriale cede alle emozioni

Uno dei tratti distintivi di un professional poker player vincente è  la sua capacità di mantenere la lucidità e la freddezza in qualsiasi situazione: che stia vincendo forte o perdendo male, il buon giocatore di poker continua a concentrarsi sullo sviluppo del proprio A-game.

Viceversa, il giocatore amatoriale spesso e volentieri si lascia trascinare dalla partita e dal suo esito: se sta vincendo, comincia a sentirsi onnipotente e invincibile; se sta perdendo, si tortura fino ad arrivare al tilt.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento