Gioco legale e responsabile

ABC del Poker

La strategia di Donk Bet, cos’è, quando e come utilizzarla

Scritto da
16/04/2019 14:16

1.098


La tipologia di cui parliamo in questo pezzo, è stata dibattuta su Assopoker in più di un’occasione, ma non è mai male riprendere concetti coi quali i meno esperti hanno una certa necessità di prendere confidenza.

La Donk Bet

Nel nostro articolo di Strategia Base parliamo di “Donk Bet” che ancora oggi in tanti fraintendono come una scommessa effettuata da un asino

La definizione

Una Donk Bet è una puntata che viene effettuata da chi ha chiamato un rilancio nella strada immediatamente precedente a quella in corso, negando la possibilità all’Originale Raiser di effettuare una Continuation Bet”. 

L’esempio più classico

L’esempio più classico è rappresentato dall’apertura di un giocatore in Middle Position e il nostro call da Big Blind. 

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Di solito, nella strada successiva, l’azione più classica prevederebbe il “check to the raiser” da parte nostra, consentendo così al giocatore in MP di poter andare in C-Bet. 

Se, al contrario, decidessimo di condurre la mano anticipando la puntata, attueremmo una Donk Bet. 

Il “lead” 

Nel caso in cui non ci sia stata nessuna apertura o puntata nella strada precedente, qualsiasi azione attiva nella strada successiva viene indicata come “lead” (prendere il vantaggio di puntata). 

In breve, ogni volta che c’è un aggressore nella strada precedente e gli viene negata la possibilità di continuare ad avere un vantaggio aggressivo nella mano, questa negazione è dovuta sicuramente ad una Donk Bet.

Ora che abbiamo imparato a capire cosa sia una Donk Bet, vediamo in quali occasioni sia profittevole utilizzarla:

  1. Quando il Pre Flop Raiser non ama le Continuation bet
  2. Quando la nostra mano è all’apice della propria forza
  3. Quando troppe mani freezerebbero l’action nelle strade successive
  4. Quando vogliamo intrappolare più di un giocatore in un Multiway Pot

Esempio 1

Riprendiamo l’esempio iniziale: da MP arriva un rilancio sul nostro Grande Buio e noi decidiamo di chiamare con j 10. 

Sul flop scendono tre carte amiche: 10 8 7 . 

Su questa trama l’original raiser troverà difficoltà ad andare in Continuation Bet in quanto la trama stessa somiglia spesso al range di chiamata del BB. 

Se Villain (il nostro avversario) è un giocatore ragionevolmente sensato, o con una bassa propensione alla C-Bet, quasi sempre opterà per la ricerca di aiuto nelle strade successive e checkerà dietro in caso di nostro check. 

Tutte le combo come AK-KQ-AQ-99 tenderanno a pot controllare ed una eventuale nostra Donk Bet servirà a negare l’equity rimasta a questo tipo di mani. 

Inoltre la presenza di un Gut Shot ci permette di chiamare rilanci di entità non esagerata. 

Questo esempio rispetta due condizioni, la 2 e la 3.

Esempio 2

Questa volta il rilancio da MP arriva quando da BB abbiamo una coppia di 6 e anche in questo caso calliamo.

Il flop dice 7 3 2 . 

Una linea conservativa e standard ci consiglierebbe di check-callare, ma se decidessimo di bussare potrebbe fare lo stesso il nostro avversario che beneficerebbe di una carta gratis a differenza nostra che difficilmente miglioreremmo la nostra posizione.

Registrati su PokerStars.it e BetStars.it e ricevi un bonus di €40 con il tuo primo deposito, inserendo il codice QUARANTA!

 

La nostra mano è chiaramente troppo forte per passare a una C-Bet, ma non lo è altrettanto per check-raisare o check-controllare, visto che Villain potrebbe sparare una Second Barrell, magari per valore, avendone acquistato al turn. 

In caso di check-call al flop, prendiamo in considerazione l’opzione di uscire in puntata al Turn se dovesse comparire un’ altra carta bianca. 

Esempio 3

Ci sono 3 giocatori che limpano e il bottone apre i giochi in click raise, noi agiamo sempre da BB e con 5 6 facciamo il nostro solito call.

Chips

Chiamano tutti i limpers.

Sul flop scendono 10 7 2 , questa è un’ottima base di partenza per prendere in considerazione una Donk Bet.

In questo momento la nostra mano è quasi sempre  all’apice della nostra forza, troveremo spesso il call di qualcuno che ha un buon pezzo a cuori ed eviteremo una C-Bet troppo costosa da parte dell’Original Raiser. 

Un quarto cuori congelerà l’action se non ci batte e noi non permetteremo una carta gratis a nessuno dei partecipanti alla mano.

In questo caso tutte e quattro le condizioni sono rispettate.

Articolo tratto da PokerStarsschool.com

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento